• rcadvss15-01-small

    Nicki Minaj Roberto Cavalli: la rapper americana è la testimonial della campagna pubblicitaria primavera estate 2015

    Dec 19 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Roberto Cavalli annuncia che Nicki Minaj è il volto della nuova campagna pubblicitaria della prossima primavera estate 2015. La giovane rapper americana, regina indiscussa delle classifiche di tutto il mondo, è la protagonista di questi scatti dal forte impatto visivo.

    La danza tribale di Nicki Minaj incanta l’obiettivo, mentre il calore del sole e il potere dei colori inebriano lo spirito. Le tinte arancio fuoco, azzurro, blu, giallo zafferano e verde diventano lo specchio dell’estate. Una danza di energia che coinvolge e ammalia. Una forte sensualità che come una lieve brezza marina attraversa le silhouette degli abiti in georgette di seta con stampe animalier e floreali.

    Famosa per le sue provocazioni e per la sua irriverenza, proprio come Roberto Cavalli, Nicki Minaj ha uno spirito anticonformista ed è abituata a stupire il pubblico. Non è un caso che uno dei singoli di maggior successo della cantante si intitoli Anaconda, e proprio il serpente è uno dei simboli iconici della Maison Cavalli.

     

    No Comments

    Read More
  • Your star house_Olafur Eliasson

    Mondo Novo: le vedute d’ottica e Olafur Eliasson 19 Dicembre 2014 – 26 Aprile 2015 Espace Louis Vuitton Venezia Calle del Ridotto, 1353 Venezia

    Dec 19 • Arte, Design, Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    Dopo il dialogo tra le epoche di Tony Oursler e Pompeo Molmenti in Where Should Othello Go?, il confronto tra Bill Viola e Vittore Carpaccio in Reinassance e le prospettive veneziane di Mariano Fortuny e Jiro Taniguchi per Sguardi incrociati a Venezia, l’Espace Louis Vuitton Venezia presenta la nuova mostra: Mondo Novo: le vedute d’ottica & Olafur Eliasson.

    La mostra, curata da Carlo Montanaro, critico e collezionista cinematografico, restituisce al grande pubblico l’invenzione illuminisitica del “mondo novo”, apparecchio ritenuto l’antenato del cinema, creato per spettacolarizzare le “vue d’optique”, acqueforti di alta tiratura spesso riprese da lavori importanti di Marieschi, Canaletto o altri incisori celebri, dieci delle quali, appartenenti alla collezione del Museo Correr, sono state restaurate da Louis Vuitton nel quadro della partnership con la Fondazione MUVE.

    La macchina soprannominata da Carlo Goldoni, il “mondo novo” è una creazione del XVIII Secolo altrimenti nota come phantoscope, un antenato del proiettore, che veniva utilizzata come spettacolare intrattenimento durante le festività popolari e religiose. Diversamente dalla lanterna magica, che se usata al buio, grazie a un gioco di luci dava vita a del vetro colorato, il Mondo Novo funzionava anche con la luce del giorno, all’aperto. La macchina da proiezione era una vera e propria particolarità dell’epoca, immortalato da innumerevoli artisti. Celebre è l’affresco di Giandomenico Tiepolo oggi a Ca’ Rezzonico, il “Mondo Novo” che documentava alla perfezione gli svaghi popolari del Settecento.

    Le delicate vedute, realizzate dalla tipografia Remondini e la cassa per la visione, parte della collezione del Museo Correr, dialogheranno con il caleidoscopo immaginato dall’artista danese Olafur Eliasson Your star house del 2011, un’affascinante rilettura contemporanea dei tesori ottici del XVIII Secolo.

    L’opera è composta da tre grandi e irregolari pannelli di vetro, appoggiati l’uno all’altro e sostenuti da un’impalcatura, ricreando un effetto a caleidoscopio. Gli specchi moltiplicano infinitamente un’apertura triangolare alla fine dell’opera, aggiungendo al riflesso caleidoscopico il disegno di una stella nel centro dell’installazione. L’osservatore non può intuire immediatamente quali parti dell’ambiente circostante sono visibili. Solo la stella, collocata nel cuore dell’installazione, rimane ferma, aumentando e diminuendo in scala a seconda dell’avvicinarsi o allontanarsi dall’installazione.

    “Guardando attraverso un caleidoscopio, è come se la vista si aprisse e andasse in tutte le direzioni. Quello che trovo affascinante nel caleidoscopio è il suo esssere composto. Il primo caleidoscopio che ho costruito l’ho chiamato Your compound eye (1996 – in italiano, Il tuo occhio composto). L’idea prendeva spunto dall’occhio della mosca che ha la capacità di vedere a 360°. Ovvero un insieme di immagini composte e non solo un’immagine nitida”, ha dichiarato Olafur Eliasson.

    Olafur Eliasson
    Nato nel 1967 in Danimarca, vive e lavora fra Copenaghen e Berlino e partecipa a mostre internazionali dal 1997. Nel 2003, ha rappresentato la Danimarca alla 50° Biennale di Venezia e, sempre lo stesso anno, ha completato l’installazione The weather project in esposizione al Tate Modern di Londra. Le opere di Eliasson esposte in luoghi pubblici comprendono il Green River, in mostra in varie location tra il 1998 e il 2001, e il Serpentine Gallery Pavillon del 2007, progettato in collaborazione con Kjetil Thorsen. Le New York City Waterfall, commissionate da Public Art Fund, sono state installate nell’estate del 2008 sulla battigia di Manhattan e Brooklyn. È stata presentata nel 2011l’opera Your rainbow panorama, una passerella circolare lunga 150 metri e composta da pannelli di vetro colorati, posizionata sul tetto del ARoS Museum ad Aarhus in Danimarca. Sempre lo stesso anno viene inaugurato l’ Harpa Reykjavik Concert Hall and Conference Centre, per il quale Eliasson progetta la facciata in collaborazione con lo studio di architettura danese Henning Larsen, per il quale ha vinto il premio European Union prize for Contemporary Architecture Mies van der Rohe nel 2013. In collaborazione con l’ingeniere Frederik Ottesen, Eliasson ha sviluppato il Little Sun, ovvero una piccola lampada in grado di funzionare nelle aree del mondo sprovviste di elettricità. Il lancio di Little Sun è avvenuto al Tate Modern Museum per il Festival di Londra del 2012 ed è stato successivamente presentato in tutto il mondo.
    Per la sua prima mostra personale al museo danese Louisiana Museum of Modern Art, tutt’ora in corso, l’artista ha riempito un’intera ala con pietre e acqua per emulare un fiume tortuoso che scorre attraverso le rocce. Una nuova serie di dipinti di Eliasson, in risposta al lavoro di J.M.W. Turner, sono in esposizione al Tate Britain di Londra, in concomitanza con la più grande mostra autunnale del museo; The EY Exhibition: Late Turner – Painting Set Free.

    Carlo Montanaro
    Critico e collezionista cinematografico, è nato a Burano (Venezia) nel 1946. Scrive di cinema e fotografia in riviste e pubblicazioni diverse, lavora professionalmente nel cinema e nella TV, collabora all’organizzazione di festival e rassegne. Con scuole ed Enti pubblici e privati organizza Corsi di storia del Cinema e di Regia, utilizzando i materiali raccolti nel proprio Archivio che dal 24 marzo 2010 è divenuta l’Associazione Culturale Archivio Carlo Montanaro. Rieletto nel 2006 Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Venezia è andato in pensione nel novembre 2010; dal 1998 al 2011 ha insegnato nella Facoltà di Lettere dell’Università di Ca’ Foscari.

    La Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE)
    La Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE) – fondazione di partecipazione con unico socio fondatore il Comune di Venezia – gestisce, promuove e valorizza da settembre 2008, per sua specifica mission, il complesso sistema dei Musei Civici di Venezia, uno tra i più importanti d’Europa: 11 musei con le loro ricchissime collezioni (da Palazzo Ducale al Museo Correr, dalla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’Pesaro a Palazzo Fortuny, dal Museo del Vetro di Murano al Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento veneziano), 5 biblioteche specialistiche, l’archivio fotografico ed un attrezzato deposito esterno (Vega Stock). Una realtà innovativa nel panorama dei Beni Culturali in Italia. Un accurato e appassionato progetto di sponsorizzazione e di azioni culturali locali ha portato Louis Vuitton a sostenere ogni anno il restauro di opere provenienti da tutte le collezioni dei musei gestiti dalla Fondazione. Una volta restaurate le opere vengono restituite nuovamente al pubblico ed esposte nelle rispettive sedi museali.

    Mostra Mondo Novo: le vedute d’ottica & Olafur Eliasson
    Espace Louis Vuitton Venezia, Calle del Ridotto 1353, 30124 Venezia
    Dal 19 dicembre al 26 aprile 2014: mostra aperta al pubblico
    Apertura dalle 10.00 alle 19.30 da Lunedì a Sabato e dalle 10.30 alle 19.30 Domenica

    Ufficio Stampa Louis Vuitton
    Cecilia Puliga –Tel: 0039 02 72 33 4267 – E-mail: c.puliga@it.vuitton.com Matteo Aceti – Tel: 0039 02 72 33 4285 – E-mail: m.aceti@it.vuitton.com

    Your Star House_dettaglio Your star house_Olafur Eliasson Firenze_Chiesa e Piazza Santa Maria Novella Napoli_Bosco Cipressi_Giardino Reale

    No Comments

    Read More
  • ek-blacksnow-box-small

    Diadora Emis Killa: il private party per il lancio della Black Snow in limited edition

    Dec 19 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    Diadora ed Emis Killa hanno festeggiato con un Private Party, la nuova Black Snow, la Limited Edition realizzata in soli 300 paia e acquistata dai fan del marchio e dell’artista lo scorso weekend. I 5 fan più veloci ad acquistare lo special pack sui diversi canali di vendita, hanno avuto la possibilità di incontrare Emis Killa durante il Party esclusivo.

    Molti i personaggi e amici che sono intervenuti, e che hanno voluto celebrare Emis Killa ieri sera. Tra questi Saturnino, Pierpaolo Peroni con Syria e il DJ Massimo Sabbadin.

    La nuova Limited Edition “Black Snow” creata in collaborazione con Emis Killa ha uno speciale “pack” che contiene la rivisitazione dell’iconica Mi Basket in due varianti veramente “Hip-Hop”: una versione total white in pelle con dettagli e fregio in stampa struzzo, e una versione total black in pelle con dettagli e fregio in stampa cocco.

     

    20-small emis-killa-2-small emis-killa-chiara-biasi-small emis-killa-saturnino-small emis-killa-small

    No Comments

    Read More
  • image copia

    Sanremo, ecco i big. Annalisa, Ayane, Masini, Chiara, Grignani, Tatangelo

    Dec 19 • Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    Roma, 14 dicembre 2014 - Sanremo 2015, ecco i big che parteciperanno al Festival. ‘Una finestra tra le stelle’ di Annalisa, ‘Adesso e qui’ di Malika Ayane, ‘Che giorno è’ di Marco Masini, ‘Straordinario’ di Chiara, ‘Sogni infranti’ di Gianluca Grignani, tra i nomi e le canzoni annunciate da Carlo Conti all’Arena di Massimo Giletti, su Rai1.

    In gara anche ‘Fatti avanti amore’ di Nek, ‘Sola’ diNina Zilli, ‘Il mondo esplode’ di Dear Jack, ‘Un attimo importante’ di Alex Britti, ‘Vita d’infgerno’ diBiggio e Mandelli, ‘Oggi ti parlo così’ di Moreno, ‘Il solo al mondo’ di Bianca Atzei, ‘Come una favola’ diRaf, ‘Voce’ di Lara Fabiani, ‘Io sono una finestra’ diGrazia Di Michele e Mauro Coruzzi (Platinet).

    E poi ci sono ‘Grande amora’ di Il Volo, ‘Libera’ di Anna Tantangelo, ‘Buona fortuna amore’ di Nesli, ‘Un vento senza nome’ di Irene Grandi, ‘Siamo uguali’ di Lorenzo Fragola (fresco vincitore di X Factor).

    image-1 image-2 image-3 image-4 image-5 image-6 image-7 image-8 image-9 image-10 image-11 image-12 image-13 image-14 image-15 image-16 image-17 image-18 image-19 image

    No Comments

    Read More
  • image

    Efa: l’Italia brilla agli Oscar europei con la commedia di Pif e il cartoon di Rak

    Dec 19 • Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    L’Italia brilla alla 27/ma edizione degli European Film Awards, gli Oscar del cinema europeo. ‘La mafia uccide solo d’estate’, opera prima da regista di Pif (al secolo Pierfrancesco Diliberto), ha vinto nella categoria commedia, mentre ‘L’arte della felicità‘ di Alessandro Rak si è aggiudicato il premio come miglior pellicola d’animazione.

    Il riconoscimento più prestigioso, quello per il miglior film, è andato invece a ‘Ida’ del polacco Pawel Pawlikowski. Il film, che racconta la vicenda di una giovane novizia alle prese con la scoperta di un tragico passato familiare, si è portato a casa altri quattro premi: miglior regia, migliore sceneggiatura, migliore fotografia, premio del pubblico.

    LA GIOIA DI RAK – “Non so che dire, anche perché conosco poco l’inglese, ma dedico questo premio alla mia città, Napoli, e ai miei due nipoti, Nicolò e Ludovico, che mi stanno guardando in tv e mi danno gioia”, ha detto commosso Alessandro Rak che aveva presentato ‘L’arte della felicità‘ come evento fuori concorso alla Settimana internazionale della Critica alla Mostra di Venezia nel 2013. Il cartoon racconta la personale odissea di Sergio, pianista di talento riciclatosi tassista, che dopo la notizia di un grave lutto fa della sua auto sgangherata auto un rifugio da non abbandonare mai e nel quale ripensare alla propria vita. 

    image-1 image-2 image-3 copia image-6 image-7 image-8

    image-10 image-11 image-12  image-4 image-5 image-9

    No Comments

    Read More
  • belen

    Il manifesto di Belen a Milano ‘distrae gli automobilisti’ e viene tolto

    Dec 19 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Le polemiche erano montate a Milano per la presenza di un manifesto di Belen che giganteggiava in città: ‘Distrae gli automibilisti’, dicevano quelli del comitato nato per la sua rimozione. I due enormi manifesti pubblicitari ritraggono la sensuale showgirl in tutta la sua bellezza, in biancheria intima. Le curve pericolose della Rodriguez hanno generato un piccolo caso a Milano.

    Il comitato di cittadini ha invitato la Polizia municipale a togliere i manifesti di Belenperchè l’avvenenza della soubrette distrarrebbe gli automobilisti in Corso Buenos Aires, una delle vie dello shopping cittadino.

    Paolo Uguccioni, presidente del Comitato Venezia Buenos Aires ha scritto infatti nei giorni una lettera alla Polizia Locale in cui raccoglie segnalazioni di cittadini sulla presenza di ‘enormi cartelloni pubblicitari’ che ‘rappresentano un serio pericolo per la circolazione veicolare‘. Tra questi anche quello di Belen, ammiccante in biancheria intima.

    Intanto, il Corriere ha intervistato Belen. Secondo chi ha scritto la lettera, la modella sarebbe ‘molto provocante e discinta’, e ‘compie il gesto di volersi calare le mutandine‘.

    Lei al proposito ha risposto: ‘Intanto le mutandine sono al loro posto e nessuno se le è tolte. È soltanto una posa in un servizio fotografico. È una immagine sensuale, ma molto raffinata. Sa cosa? Magari qualcuno non mi vuole vedere lì‘.

    La Polizia locale, secondo il comitato, ha dunque deciso di chiedere la sostituzione del cartellone con uno più sobrio che pubblicizzerà un profumo. Cosa che potrebbe accadere lunedì.

     belen-e-santiago

    No Comments

    Read More
  • image

    Benigni: La corruzione è il punto più basso dell’umanità

    Dec 19 • Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    “Non rubare è il comandamento più attuale. Alcuni politici si fanno comprare come un oggetto. Perde dignità l’umanità, non siamo più uomini. E’ proprio il punto più basso dell’umanità la corruzione. Quando qualcuno compra un altro ti vendi l’anima e in quel momento la tua anima è quell di un ladro. E’ terribile”. Lo ha detto Roberto Benigni presentando al Tg1 delle 20 il suo spettacolo che andrà in onda su Rai1 lunedì e martedì in prima serata ‘I dieci comandamenti’.

    No Comments

    Read More
  • image

    Nuoto, stampa francese: Laure Manaudou fermata per furto di 200 euro a Disneyland

    Dec 19 • Gossip, Lifestyle • 0 Views

    L’ex campionessa di nuoto Laure Manaudou è stata fermata ieri dalla polizia francese per poi essere rilasciata con l’accusa di aver commesso un furto di circa 200 euro in un negozio di souvenir a Disneyland Paris. Lo riporta l’edizione online de ‘Le Monde’. La campionessa olimpica di Atene 2004, andata al parco dei divertimenti insieme alla figlia Manon di 4 anni, è stata fermata all’uscita del negozio dopo che le telecamere di sorveglianza avevano ripreso l’amica che la stava accompagnando rubare articoli dal valore di 300 euro. L’ex nuotatrice francese ha smentito ogni accusa attraverso i social network accusando gli organi d’informazione. “La stampa, tutti bugiardi! Sono disgustata, non riesco nemmeno a passare del tempo con mia figlia”, ha scritto Laure Manaudou in un post che è stato successivamente rimosso. Il parco di divertimenti comunque non ha sporto denuncia. Le due donne hanno ricevuto un semplice “richiamo alla legge”, che evita conseguenze dal punto di vista penale per reati non gravi.

    No Comments

    Read More
  • diamond-iwatch-620x467

    Apple Watch in diamanti da 30 mila dollari del gioielliere Mervis Diamonds

    Dec 19 • Fashion, Gioielli, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Qualcuno ipotizza per l’Apple Watch un successo nel suo comparto di portata dirompente, come successo per l’iPhone nell’ambito degli smartphone. In questo ambito non è facile fare previsioni, ma dei buoni numeri si possono immaginare.

    In attesa di vederlo in vetrina, qualcuno ha iniziato a pensare a degli allestimenti sfavillanti e preziosi. Il primato della velocità va al gioielliere americano Mervis Diamonds, che ha studiato una versione con cassa in oro 18 carati, impreziosita da un cinturino con tappeto didiamanti disposti su otto file, per un totale di 15.14 carati.

    Sono orpelli di alta qualità, scelti accuratamente dal produttore, per un risultato estetico e qualitativo di grande presa per chi ama il genere. Gli altri, che preferiscono ostentare meno, orienteranno la loro attenzione sulla versione base, pur potendosi permettere senza nessun problema la spesa di oltre 30 mila dollari imposta dall’acquisto della declinazione preziosa, le cui consegne dovrebbero iniziare a giugno 2015.

    Il modello di cui ci stiamo occupando, noto come Diamond iWatch, è perfettamente identico, sul piano tecnico e funzionale, a quello di cui modifica l’estetica. Del resto, il gioielliere che ne ha curato la foggia, non ha certo gli strumenti e la competenza di Apple per intervenire sugli aspetti funzionali del nuovo gioiello di Cupertino, che è in grado di dialogare con l’iPhone e che può essere controllato anche tramite comandi vocali.

     

    No Comments

    Read More
  • 10603263_740541529364483_5866480470655075931_n

    Un soir à L’opéra, la collezione natalizia di cosmetici Guerlain all’insegna di oro e luccichii

    Dec 19 • Beauty, Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    La collezione si chiama Un soir à L’opéra e rievoca le atmosfere dei teatri, gli elementi del balletto e dell’opera in generale, come ad esempio il fiocco sullo chignon di una ballerina, elemento ripreso nel packaging di alcuni cosmetici. Nella capsule troviamo prodotti già presenti nella linea continuativa, ma per cui viene rivisitato il packaging. E’ questo il caso dello spray iridescente profumato dal nome Coque D’Or, da applicare sul décolleté, tra i capelli e sulle parti del corpo in vista come braccia o gambe.

    Anche per Guerlain le labbra sono rosso fuoco, una tinta intensa e natalizia, perfetta per i giorni di festa. Le texture delle tinte per la bocca, sono liquide oppure più setose e mat. Anche nel caso dei prodotti per le labbra la confezione è particolarmente natalizia tra metallo dorato e struttura rosso laccato.

    Gli ombretti proposti dalla collezione si distribuiscono in due trousse con una coppia di colori ciascuna ed una palette più fornita. I duo sono così composti: uno propone un rosa iridescente ed un bianco ghiaccio, perfetti per il giorno, mentre la seconda palette è decisamente serale: nero argentato e prugna cromato per degli smoky eyes impeccabili. Latrousse presenta invece una serie di ombretti iridescenti e quattro blush, due mat e due lucidi.

    Per rispettare la tradizione dorata del Natale, Guerlain offre anche due smalti di questo colore scintillante, uno con placchette d’oro all’interno, l’altro metallizzato. Inoltre, un gloss con micro pagliuzze dorate conferisce una lucentezza particolare alle labbra.

    immagine-2 immagine-3 immagine-4 immagine-5 immagine-6 immagine-7 immagine-8 immagine-9 immagine

    No Comments

    Read More