• Campari2015_Cover-Large-620x826

    Campari svela l’immagine di copertina del Calendario 2015, dal titolo “Mythology Mixology”, annunciando che sarà presentato ufficialmente il 5 novembre prossimo

    Oct 21 • Arte, Design, Fashion, Fotografia, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Il famosissimo brand Campari comunica l’immagine di copertina del Calendario 2015, dal titolo “Mythology Mixology”. L’uscita del calendario, molto atteso, è prevista per il 5 novembre prossimo. Nell’immagine di copertina è presente la splendida protagonista femminile di quest’anno, Eva Green, che indossa un meraviglioso abito da sera rosso, in posa accanto a una macchina del tempo Campari, che riporta le date più importanti della storia del marchio e ricorda dodici dei cocktail classici più amati di sempre.

    il viaggio della macchina del tempo riporta storie attraenti e fa rivivere i grandi fasti del passato del marchio Campari, dalle sue origini più di 150 anni fa fino ai nostri giorni. Campari propone una reinterpretazione in chiave contemporanea che invita gli estimatori del brand a proiettarsi al futuro e ad immaginare le molte prospettive di questo marchio senza tempo. La posa accattivante della protagonista Eva Green invita gli appassionati a seguirla in un viaggio affascinante, lei ci guida attraverso la bellissima storia del brand, ricordando le ricette dei classici cocktail conosciuti e apprezzati in tutto il mondo.

    Gli scatti del Calendario 2015 sono diretti da Julia Fullerton-Batten, celebre fotografa d’arte famosa a livello internazionale e prima donna a capo del progetto Calendario Campari. Il Calendario Campari, in edizione limitata, verrà stampato in sole 9.999 copie, e verrà distribuito agli amici di Campari in tutto il mondo.

    No Comments

    Read More
  • image_preview

    Van Gogh e Chagall alla Rinascente di Milano Quattro vetrine dedicate ai due maestri

    Oct 21 • Arte, Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Per sostenere l’arte e promuovere la vita culturale cittadina, la Rinascente ha pensato di celebrare le due iniziative sia nelle vetrine sia negli spazi allestiti ad hoc al suo interno.

    Chagall alla Rinascente di Milano

    Questo mese, in partnership con 24ORE Cultura – Gruppo 24ORE, il department store del lusso dedica per 3 settimane le 4 vetrine di via Santa Radegonda alle due rassegne Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985 e Van Gogh. L’uomo e la terra, con quattro delle opere in mostra riportate a sfondo pieno.

    All’interno dello store è stato allestito uno spazio speciale per la vendita del catalogo e del merchandising legato alle due manifestazioni culturali di grande rilievo.

    Van Gogh alla Rinascente di Milano

     

    No Comments

    Read More
  • 1c8a

    Trollbeads presenta ‘X by Trollbeads’

    Oct 21 • Design, Fashion, Gioielli, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Trollbeads presenta il nuovo brand “X by Trollbeads” è giovanissimo, è nato nel settembre 2013, ed in quest’ultimo anno è stato distribuito in oltre 100 punti vendita del canale gioielleria, di cui la maggior parte non era cliente Trollebeads, con l’obiettivo di raggiungere un target diverso dal nostro cliente abituale.”

    Il brand ha un approccio rivoluzionario al design del gioiello che parte da una catena a maglie, smontata e trasformata in anelli che possono essere in argento, bronzo, oro o in gomma brevettata, tutti a incastro a X (da qui il nome), detti link. Ogni link, ha un significato e s’ispira a simboli rock e ultramoderni, ad emozioni e sentimenti, e permette di creare combinazioni assolutamente personali. Per Natale sarà lanciata una limited edition con gommini di colore rosso che accompagneranno quelli classici neri e l’altra capsule di colore Blue Ocean.

    Si tratta sempre di un “componibile”, come nella migliore tradizione della casa madre, ma di un prodotto che stavolta si rivolge ad un pubblico più giovane, più urbano,  la fascia di prezzo è più accessibile se si considera che un gommino parte da un prezzo di 1.50 euro cadauno ed un link da 28 euro, quindi si può ottenere un bracciale completo intorno ai 100 euro.


    Il collier ‘Shooting Star’ della linea X by Trollbeads

    Il brand ad oggi è distribuito in Italia attraverso una selezione di 630 multimarca e nei suoi 4 monomarca, a Roma, Messina, Bari e Milano e due settimana fa ha incoronato la vincitrice del concorso lanciato la scorsa primavera, “People’s Beads” dedicato a tutti i fans/clienti del brand. Il beads vincitore è stato disegnato da una fan tedesca e si chiama “Equilibrio”, è tutto in vetro, metà bianco e metà nero, con due diamantini incastonati.

     

    No Comments

    Read More
  • f4e4

    Morellato: una capsule con la fashion blogger Irene Colzi

    Oct 21 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    S’intitola Cuore Mio Rock la capsule di gioielli nata dalla collaborazione tra Morellato e la fashion blogger Irene Colzi. Si tratta di un’edizione limitata che vuole rispecchiare l’atmosfera cosmopolita che si vive a Milano.


    La fashion Blogger Irene Colzi ha firmato una capsule per Morellato – Foto: Ansa

    Della linea fanno parte un pendente lungo, bangle e orecchini, dal carattere grintoso in sintonia con l’immagine di Irene e delle giovani donne a cui la collezione è dedicata. La parure è fatta da cerchi a motivi geometrici che creano una trama di microboule in acciaio.

    No Comments

    Read More
  • image

    I reali inglesi in cabina: ecco le invenzioni di Timmi Mallet

    Oct 21 • Arte, Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Le ‘cabine reali’ di Timmi Mallet sono ormai una certezza per i londinesi e un’attrazione per i turisti: all’esterno del castello di Windsor, l’artista dipinge da anni i componenti della famiglia reale a figura intera sul dorso delle tipiche cabine rosse del telefono.

     

     Olycom

     Olycom

     Olycom

     Olycom

    QN

    No Comments

    Read More
  • FRANCE-ARCHITECTURE-ART-FONDATION VUITTON

    Inaugurata fondazione Louis Vuitton a Parigi, presenti tanti VIP

    Oct 21 • Arte, Design, Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    E’ stata inaugurata la fondazione Louis Vuitton a Parigi. L’ente troverà spazio in una struttura da sogno che porta la firma del progettista canadese Frank Gehry. Per l’apertura bisognerà aspettare il 27 ottobre, ma il lusso è già chiaro. Basta guardare le architetture per rendersi conto della sua magia.

    Molti ospiti prestigiosi hanno assistito al momento celebrativo, con Bernard Arnault (presidente di LVMH) nelle vesti di padrone di casa. Nel parterre, il Presidente della Repubblica Francese François Hollande e diverse celebrità, come Delphine Arnault, Liya Kebeda, Natalia Vodianova, Michelle Williams, Sofia Coppola, Gaia Repossi, Marion Cotillard, Karl Lagerfeld, Anna Wintour ed altri ancora.

     

    Nel corso della settimana della moda parigina, poi, si sono viste anche Catherine Deneuve, Sophia Coppola, Charlotte Gainsbourg e Michelle Williams, che hanno ulteriormente incrementato l’interesse verso questo luogo destinato a diventare un punto di riferimento per la creazione artistica internazionale.

    Il sogno è oggi una magnifica realtà. Scopo della fondazione è l’incoraggiamento e il supporto all’arte e alla cultura contemporanea, non solo in Francia.

    Per la nascita del museo è stata necessaria una spesa di circa 90 milioni di euro. Il frutto dell’investimento è un complesso polifunzionale destinato a diventare un luogo di grande interesse nella Ville Lumière.

    Non solo opere d’arte e attrazioni frutto dell’estro creativo, ma anche uno spazio destinato a varie attività, nel segno di un marchio che ha scritto alcune delle pagine più belle nell’universo del lusso, su scala planetaria.

    Il museo della Foundation Louis Vuitton, situato alla periferia della capitale francese, ha preso forma allo stato dell’arte, con architetture molto creative incastonate come gemme nel Jardin d’Acclimatation.

    L’evento di lancio si è svolto con una settimana d’anticipo sul vernissage ufficiale e con tre giorni di ingresso gratuito nel fine settimana della fiera internazionale di arte contemporanea.

    Sul piano dialettico, il complesso somiglia a una nuvola di vetro in dodici parti, che accoglierà all’interno un ricco assortimento di mostre e avvenimenti. Bernard Arnault, boss del gruppo di cui il marchio fa parte, esprime soddisfazione per il progetto. Al momento è presto per conoscere il programma dei primi eventi, ma non è difficile immaginare il tenore della loro qualità.

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    Fondazione Louis Vuitton

    DELUXEBLOG

    No Comments

    Read More
  • Cubo-Mosaico-di-Brionvega

    Radio Cubo a tutto colore

    Oct 21 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    La Radio Cubo di Brionvega, disegnata nel 1964 da Marco Zanuso eRichard Sapper, si tiene al passo coi tempi e presenta una radio che strizza l’occhio agli accostamenti cromatici più glamour.

    La mitica radio dallo stile senza tempo rivoluziona ancora una volta il modo di ascoltare la musica, introducendo un dispositivo all’ultima moda.

    Copia-di-_MG_2779c-300x200

    Radio.cubo ts522 D+ Bluetooth torna infatti in versione bicolorepersonalizzabile al 100%.

    La tavolozza di nunaces a cui si può attingere spazia dall’arancio sole albianco neve, dal nero notte al rosso, dal giallo sole all’azzurro mare, dal viola al rosa, combinabili secondo i propri gusti.

    La rivoluzione estetica non compromette gli aspetti tecnici di radio.cubo ts522D+Bluetooth, dotata come sempre delle migliori e avanzate tecniche di riproduzione del suono. A partire dal Bluetooth, che permette di riprodurre le playlist preferite, collegando senza fili radio.cubo al proprio smartphone, tablet o pc, fino al DAB/DAB+ e la Banda L, il tutto con una potenza  di 9+9W RMS, erogata da un amplificatore in classe D con potenza nominale 25+25W. Inoltre, tramite l’equalizzatore, è possibile personalizzare i toni alti (Trebble) e i toni bassi (Bass).

    FM, RDS, Radio sveglia, telecomando per la gestione di tutte le funzioni, uscita per una seconda cassa, ingresso per cuffia e display con 5 livelli di retroilluminazione, completano le dotazioni della radio.

    Oggi, poi, basta poco per scatenare la propria creatività e scegliere come vestire la propria radio.cubo, personalizzandola con un solo click, grazie al configuratore su www.radiocubo.it/configuratore/.

     

    Radio.cubo ts522 D+ Bluetooth

     

    No Comments

    Read More
  • 26163-gpb02_4

    L’OPERA È GIÀ STATA PARZIALMENTE VANDALIZZATA LA RAGAZZA CON L’ORECCHINO DI BANKSY

    Oct 21 • Arte, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Sul sito di Banksy è apparso un nuovo graffito realizzato dall’artista senza volto su un muro della città di Bristol. L’opera rivolge un omaggio al dipinto “La ragazza con l’orecchino di perla” di Johannes Vermeer sfruttando ironicamente la corrispondenza del celebre gioiello con una centralina dell’allarme antifurto in evidenza sulla facciata del palazzo utilizzato come tela.

    L’opera, intitolata “Girl with a Pierced Eardrum” (La ragazza con un un timpano trafitto), si manifesta al termine di una giornata in cui Banksy è divenuto oggetto di un preoccupato passaparola. A mettere in allarme i fan: la diffusione della notizia del suo arresto per mano della polizia di Londra e l’ancor più scioccante disvelamento della sua identità misteriosa.

    La falsa informazione, prodotta ad arte dal sito pirata National Report, e propagatasi come un virus sui social, è stata smentita addirittura da un portavoce di Scotland Yard.

    La pubblicazione dell’immagine sul sito, che conferma lo stato di libertà dello street artist, è però seguita da un’ultimora del sito d’informazione ITV in cui si riferisce (e si documenta) che l’opera è già stata parzialmente vandalizzata con una secchiata di vernice nera.

    No Comments

    Read More
  • image

    Lilli Gruber torna in tv e in libreria: arriva “Tempesta”

    Oct 21 • Fashion, Gossip, Lifestyle, Spettacoli • 0 Views

    Roma, 21 ottobre 2014 – “Di fronte ai drammi della Storia, per quanto possiamo sentirci impotenti, nessuno è innocente”. Parola di Lilli Gruber. Dopo l’assenza, la giornalista è pronta a tornare in tv. E anche in libreria, con un nuovo libro, ”Tempesta”, che esce il 22 ottobre per Rizzoli. ”Questo libro è un attacco all’intolleranza. Un appello a trovare il coraggio di ammettere che in ogni tragedia collettiva esiste una responsabilità individuale”, spiega la conduttrice di La Sette. “E’ più intensamente mio di qualsiasi altra cosa io abbia mai scritto, è un’esplorazione personale del peggiore incubo della nostra memoria collettiva”, spiega. il libro segue il successo di ‘Eredità‘, uscito sempre per Rizzoli nel 2012 (160mila copie in 16 edizioni).

    ”Ma è anche una grande storia d’amore – continua – di sofferenza, di gloria e di segreti nel cuore del Terzo Reich”. ”E’ il racconto della tempesta che ha travolto la mia famiglia, la mia Heimat e l’Europa intera nella Seconda guerra mondiale, la più devastante nella storia dell’umanità. La protagonista è la mia prozia Hella Rizzolli, la cui vita fu segnata da due dittature: l’una subita, il fascismo, l’altra sciaguratamente scelta, il nazismo. Scrivendo di lei, e di tutti gli altri personaggi, alcuni reali, altri nati dalla mia immaginazione, mi sono confrontata con la consapevolezza che di fronte ai drammi della Storia, per quanto possiamo sentirci impotenti, nessuno è innocente. Ho trovato molto su cui riflettere: innanzitutto sul rischio mortale del rifiuto della diversità e dell’ossessione della purezza razziale. La Storia si ripete e oggi occorrono coraggio e determinazione per affrontare le nuove forme di odio e di violenza. Ho voluto usare gli strumenti della fiction, della suspense e del dramma, per trasmettere una convinzione che nasce dal mio lavoro di giornalista e si è rafforzata in questa prova narrativa: scegliere il Bene dipende solo da ciascuno di noi”.

    qn

    No Comments

    Read More
  • Monaco F1 Grand Prix - Qualifying

    All’asta parte degli arredi pregiati dell’Hotel de Paris di Montecarlo

    Oct 21 • Design, Fashion, Gossip, Lifestyle • 0 Views

    Il mitico Hotel de Paris di Montecarlo si rinnova e mette all’incanto parte dei suoi arredi pregiati. Per fare questo, la Société des Bains de Mer, si affida alla casa d’aste francese Artcurial, che metterà online il catalogo a partire da dicembre 2014.

    La vendita si svolgerà nel fiabesco albergo monegasco, dal 25 al 28 gennaio 2015, e sarà preceduta da quattro giornate di esposizione.

     

    Oltre 3.000 lotti saranno messi all’asta:

    • il mobilio di alcuni luoghi pubblici e ristoranti;
    • il mobilio di 130 suite e camere tra cui quello della celebre suite Winston Churchill;
    • 400 piatti di servizio;
    • biancheria da bagno ricamata con le iniziali dell’hotel.

    Un’occasione unica di acquisire una parte della storia di questo Palazzo aperto più di 150 anni fa. L’Hotel de Paris è stato inaugurato poco dopo lo splendido Casinò di Monte-Carlo, voluto da François Blanc.

    E’ di Charles Garnier il progetto che ha dato vita al leggendario complesso ricettivo, costruito nel 1864 seguendo un progetto di architettura opulenta ed eleganza raffinata. Ancora oggi, l’hotel rappresenta un monumento intramontabile alla Belle Epoque e alla joie de vivre, cornice ideale per notti ultra-luxury nella Churchill Suite, incredibile appartamento di 210 metri affacciato sul porto, sulla Rocca e sul mare, completo degli oggetti appartenuti allo statista come il cavalletto portatile, con i colori in attesa e la tavolozza silenziosa dal tempo della sua visita.

    La mano del grande architetto parigino è evidente in altri due edifici simbolo di Montecarlo e della sua frizzante vita mondana, il Casinò e l’Opéra. Uno stile architettonico secondo impero, noto anche come “Napoleone III”, è quello prescelto per dar vita al luogo che, più di tutti, ha contribuito a sviluppare il mito del Principato di Monaco: il Casinò.

    Al suo interno, il principe Carlo III, insieme con la Société des Bains de Mer, decise di includere una sala da concerto, per ovviare alla mancanza di intrattenimenti culturali disponibili a Monaco nel 1870. Aprì nel 1879 e divenne subito nota come Salle Garnier, copia in miniatura in stile Belle Epoque dell’Opéra di Parigi. I più grandi artisti internazionali si sono esibiti su questo palco.

    deluxeblog

    No Comments

    Read More