Riapre l’hotel di lusso dove fu arrestato Oscar Wilde

7

Dopo un lungo restauro sarà possibile tornare a soggiornare allo storico Cadogan Hotel di Londra, dove l’artista fu arrestato nel 1895

Il Belmond Cadogan, dove visse Oscar Wilde - Foto: www.belmond.com

Il Belmond Cadogan, dove visse Oscar Wilde – Foto: www.belmond.com

Punto di riferimento della società bene dei quartieri chic di Knightsbridge e Chelsea, a Londra, l’hotel Cadogan si prepara a riaprire i battenti sotto una nuova, lussuosa veste a firma della catena di lusso Belmond. Nella sua lunga storia ha ospitato personaggi celebri e artisti: su tutti Oscar Wilde, che qui aveva uno dei suoi pied-à-terre e visse uno dei momenti più bui della sua esistenza.

L’ARRESTO DI OSCAR WILDE 
All’inizio del 1895 lo scrittore, alfiere dell’estetismo ed esuberante protagonista dei salotti e delle feste dell’aristocrazia, fu apertamente accusato di omosessualità dal marchese di Queensberry, con il figlio del quale intratteneva una relazione da alcuni anni. Wilde rispose denunciando il marchese per diffamazione, ma le prove dimostrarono la sua “colpevolezza”: l’omosessualità era allora un reato punibile per legge.

Il 6 aprile gli ufficiali lo arrestarono proprio al Cadogan Hotel. Fu processato, incarcerato e condannato a due anni di lavori forzati. Una volta libero, lasciò l’Inghilterra per trasferirsi in Francia, dove visse i suoi ultimi anni in povertà e morì a Parigi di meningite nel 1900.

IL NUOVO CADOGAN 
Costruito nello stile Queen Anne in voga all’epoca, l’hotel è rimasto in attività per quasi un secolo e mezzo dal giorno della sua apertura, nel 1887, continuando ad affascinare gli ospiti con la sua storia e il suo prestigio. Rilevato dalla catena di lusso Belmond, è stato chiuso nel 2014 e sottosto aun restauro integrale da 48 milioni di dollari che lo ha riportato – ma modernizzato con un design sofisticato all’altezza degli standard attuali – all’esclusività dei suoi anni d’oro.

Il rinato Belmond Cadogan riaprirà a dicembre. Dispone di 54 suite e camere (fra cui quella che ospitò Wilde), un nuovo ristorante gourmet, bar in stile inglese, sala da tè, giardino interno e campi da tennis privati.