MILANO – È una collezione di 1600 pezzi quella presentata oggi da Brunello Cucinelli che per l’estate 2019 propone un tema inedito e affascinante come ‘Rustic Charm & Pure Senses‘ nelle tonalità della terra, dei nuovi bianchi, dei neutri, di écru, dei cuoi naturali. Un’eleganza bella e sontuosa eppure al tempo stesso chic nella semplicità pure, secondo la filosofia dell’imprenditore-stilista umbro che dieci giorni fa ha mostrato al mondo il restauro del borgo antico di Solomeo e quello del paesaggio della sua valle, festeggiando 40 anni di intelligente lavoro tutto volto al successo e alla celebrazione dell’umanesimo nella manifattura e nei rapporti di lavoro in azienda.

“Siamo partiti dallo stile coloniale – racconta Brunello nello showroom pieno di stampa e compratori dal mondo – e dai colori di quello stile, la materia naturale come il lino grezzo ci ha molto ispirato”. Bellissimo lo spolverino di nappa guanteria, i pantaloni da “la mia Africa”, gli anfibi-stivali un po’ rudi, la cintura di pitone roccia, i gilet-sahariana di seta. Preziosissime e tutti pezzi unici le maglie tricottate a mano, in fettuccia di cotone, a catenelle anche all’uncinetto nei colori delle cortecce e dei legni. Come una carezza le giacche di pelle, sorprendente il gioco delle sovrapposizioni, un tocco di colore con la piccola bag legata intorno alla vita, le giacche di cui non si potrà più fare a meno con tessuti che brillano come quelle di seta corallo blu o quelle in principe di Galles. Lancio straordinario di una capsule di gioielli in oro vero, discreti, teneri, leggeri, decori per una donna che non vuole ostentare nulla ma che vuol essere sicura del suo stile anche nelle piccole cose che ti danno gioia.