PARIGI, Francia – Decenni fa, ho adorato la mia giacca Comme des Garçonscon i revers della stampa Liberty e le swallowtails. Quella stessa silhouette in stile edoardiano ha appoggiato il menswear di Rei Kawakubo quasi dall’inizio, e è riapparso venerdì in abiti appiattiti, accartocciati e increspati.

Crazy Suits, infatti, che è ciò che Kawakubo ha chiamato la sua collezione. Ma quei pezzi particolari andavano alla leggera rispetto alle autopsie sartoriali che venivano eseguite su altri oggetti di sartoria , come il tailleur pantofolato in un glorioso tumulo di alghe luccicanti o la striscia di tendoni sbarazzina squarciata su nastri coloratissimi.

Sebbene il colore fosse vivace e, spesso, una facilità ingannevole, quasi da tuta, la dissezione della tuta di Kawakubo aveva i denti. Letteralmente, nel caso degli straordinari accessori che montavano le mascelle di un cane ringhiante sul tipo di collegamento a catena che avresti trovato avvolto attorno alla recinzione di filo che forniva lo sfondo. Chiamano quei cani del junkyard, perché sarebbero la seconda linea di difesa se qualcuno fosse abbastanza disperato da superare il filo.

Per il suo finale, Kawakubo ha posato i suoi ragazzi su misura contro il muro dietro la recinzione. Sembravano una schiera di poliziotti, giovani delinquenti trascinati fuori dalla strada in un colpo casuale. Ti ha reso consapevole della sottile coreografia in uno spettacolo di Comme.

Se i JD suonano come un tuffo nel passato, Julien d’Ys ha regalato ai modelli Kawakubo il copricapo da abbinare – “parrucche” in gomma modellata che erano un compendio di pettinature degli anni ’50, dalle tramezzerie ai pompadour. A quei tempi bande di ragazzi si univano in uno stile, si giudicavano per la loro acutezza sartoriale, si battevano per il loro diritto alla festa intelligente. I codici di abbigliamento erano fatti o morti.

Forse Kawakubo stava creando un legame subliminale con lo stato attuale e il duraturo potere tribale del vestire. Finiti nelle loro menti, i loro abiti dai colori vivaci, i gilet e le cravatte, i suoi ragazzi erano solo una specie di gang più sfacciata. Ma non farti ingannare: i loro colori di caramelle non significavano che non potevano tagliarti