PARIGI, Francia –  Kim Jones è affamata e irrequieta. Il suo appetito va dalla gamma, dal lusso più raffinato all’uomo alle infinite glorie della natura, e andrà ovunque per soddisfarlo. Lavorando per Louis Vuitton , un marchio la cui ragion d’essere era il viaggio, Jones ha curato un mondo dalle sue esperienze. Il suo nuovo ruolo di direttore artistico di Dior Men (non più Dior Homme, il cambiamento di un riflesso letterale di una nuova direzione) è stato un passaporto per una realtà diversa, circoscritta dalla leggenda del padre fondatore della casa, la magia cristiana lui stesso. Sulle prove del suo debutto per Dior sabato pomeriggio, Jones ha portato a questa nuova situazione come un figlio prodigo che torna all’ovile.

Di fronte alla sfida di riconcettualizzare l’abbigliamento maschile del marchio, Jones ha fatto un passo laterale, tuffandosi negli archivi di alta moda di Dior. Dior originale, ma anche gli straordinari anni di Galliano. Nello spettacolo imperialistico di Jones, il dettaglio sfarzoso era fugace o perduto. Un’anteprima in studio ha permesso un esame più riconoscibile di effetti come la perline floreale su una giacca-camicia, i ricami di piume di Lemarie ricamati in vinile, o la camicia di tulle ricamata, ricoperta da un cappotto di organza nello spettacolo. La tecnica era squisita, un mondo completamente nuovo per il Jones avventuroso da esplorare.

Like any sensible explorer, he made himself a map, based on Dior’s history. From 1947 came the toile de jouy Pierre Frey created for the upholstery in Christian Dior’s first boutique. Jones went back to Pierre Frey for a whole new take on the pattern: as a jacquard for matching tops and trousers, as a tone on tone embroidery. The floral motifs were taken from the patterns on Mr Dior’s own porcelain. So was the palette of pale blues, whites and pinks. An iteration of the logo, last seen in Galliano’s “rasta” collection for Dior in 2004, reappeared as a new lace tank. And the bestselling saddle bag that Galliano originally introduced in 1999 re-emerged from the past, writ small as a pocket on the sleeve of a leather jacket, as a detail on a backpack or on the bill of the caps Stephen Jones designed.

Ma Jones ha fatto molto di più che onorare un’eredità. Si inserì anche lui nella storia della casa con tanta sicurezza che sembrava che fosse il momento in cui aveva aspettato tutta la sua vita. Jones è mezzo danese. Il suo primo modello fu il principe Nikolai di Danimarca. OK, forse quella connessione è un tratto. Il prossimo è meglio Ha portato la sua amica Yoon, la designer coreana-americana la cui etichetta, Ambush, è una favola di culto, per dare un po ‘di sostanza (oltre a un sottile livello di bling) ai gioielli. Matt Williams di Alyx, un altro amico di lunga data, ha creato le fibbie per cinture con CD ad incastro (che potrebbero sembrare un piccolo dettaglio finché non hai iniziato a concentrarti su di esse durante lo spettacolo). E l’artista americano Kaws ha realizzato il gigantesco centrotavola floreale per lo spettacolo, un avatar di 10 metri di Mr Dior che tiene in braccio il suo cane Bobby. Kaws ha anche rivisitato l’ape Dior,

In altre notizie, il tailleur oblique , la giacca a doppio petto a doppio incrocio in diagonale, che è stato il pezzo di sartoria della collezione , potrebbe essere stato riesumato dall’archivio ma sembrava un mix per eccellenza del passato di Jones e di Dior. futuro. Allo stesso modo, le strisce che hanno amplificato l’atmosfera ariosa e sportiva della collezione. Sono stati gentilmente concessi da René Gruau, lui delle iconiche illustrazioni di moda Dior. Una volta, era tutto in fila come direttore del menswear, ma il contratto non era stato firmato quando Mr Dior morì. Kim Jones ha attualizzato, sessant’anni dopo, le idee che Gruau aveva per la moda maschile a Dior. A un certo livello, ciò suggerisce una profonda affinità che dovrebbe rendere il CEO Dior Pietro Beccari molto felice della sua scelta di designer.

O, mantenendolo semplice, è l’inizio di una cosa bella.