Apple presenta gli iPhone XS e XR. Il Watch ora ti avverte se stai cadendo

21

 Cade il velo sui nuovi iPhone e Watch della Apple. Il ceo Tim Cook ha dato il via alla presentazione degli ultimi nati del colosso di Cupertino sul palco dello Steve Jobs Theater all’interno dell’Apple Park, il quartier generale della Mela, con uno show (battezzato ‘Gather round’) visibile anche in streaming sul sito dell’azienda. “I nostri punti vendita sono diventati parte della comunità”: ogni anno danno il benvenuto a 500 milioni di consumatori ha esordito Cook, sottolineando che Apple sta “per spedire il dispositivo iOS numero due miliardi”.

LA SERIE 4 DEGLI APPLE WATCH – “Iniziamo con l’Apple Watch, numero uno al mondo”, ha quindi detto l’a.d. introducendo così la nuova generazione di smart orologi, più grandi e performanti. La ‘Serie 4’ infatti ha uno schermo del 30% più grande dei suoi predecessori. “Ora è diventato un guardiano intelligente della salute di chi lo indossa”, ha affermato Jeff Williams, direttore generale di Cupertino. Il dispositivo è infatti in grado di identificare un ritmo cardiaco irregolare e avvisare l’utente, così come è in grado perfino disegnalare quando si sta per cadere. “Una funzione che speriamo non vi serva ma è bello sapere che c’è”, ha aggiunto Williams indicando che se dopo una caduta non ci si può muovere scatta automaticamente una chiamata di emergenza.

Il nuovo Apple Watch sarà disponibile in tre versioni (aluminium silver, gold e space grey) e avrà un prezzo a partire da 399, con la versione cellulare a partire da 499 dollari. Sarà possibile pre-ordinarlo dal 14 settembre e sarà disponibile dal 21 settembre in 26 mercati.

L’IPHONE XS – Spazio poi al nuovo melafonino, di cui per tutta l’estate si sono sentiti rumors su dimensioni, colori e potenzialità. Ed eccolo l’iPhone XS: “il più avanzato iPhone che abbiamo mai creato”, come ha spiegato lo stesso Cook. E’ impermeabile “perfino alla birra” e “questo è stato uno dei test più divertenti che abbiamo fatto”, ha quindi spiegato Phil Schiller, responsabile del marketing del gruppo. Il nuovo smarphone sarà disponibile in due versioni: una con schermo da 5,8 pollici e un’altra Max da 6,5 (dimensioni più compatte dei predecessori iPhone 8 grazie all’integrazione quasi a filo del monitor con la scocca). il vetro è il più resistente di sempre, quindi i dispositivi resistono all’acqua e sono predisposti per poter reggere ad almeno 30 minuti di immersione a 2 metri di profondità. Saranno disponibili con 3 colorazioni (oro, argento e grigio spazio) e dotati di Cpu 6-core hanno schermi super retina.

I nuovi melafonini hanno poi un riconoscimento facciale potenziato, con diversi sensori frontali. “E’ il Face Id più sicuro tra gli smartphone”, ha voluto sottolineare Shiller, spiegando come come gli iPhone XS siano dotati di un chip A12 bionico, creato ad hoc. Migliorato anche il suono per apprezzare meglio film, concerti e video. Inoltre l’ultimo nato di casa Apple ha la ‘dual Sim’ con tecnologia E-SIM, facilitando la vita di chi viaggia. Potenziato anche la durata della batteria: per il modello XS la durata sarà di 30 minuti di più del X, mentre per l’XS MAX sarà fino a 90 minuti di più. Considerevole il costo: l’iPhone XS ha un prezzo di partenza di 999 dollari, mentre l’iPhone XS MAX di 1.099 dollari. Potranno essere pre-ordinati dal 14 settembre e saranno disponibili dal 21 settembre (anche in Italia).

L’IPHONE XR – Ma non è finita qui. L’Apple ha lanciato un ulteriore nuovo telefonino: l’iPhone XR con schermo edge-to-edge da 6,1 pollici, diplay Lcd (ribattezzato “Liquid Retina”) e riconoscimento facciale. “Ci auguriamo di raggiungere un numero ancora maggiore di persone”, ha detto ancora il direttore marketing di Cupertino illustrandone anche i vari colori (tra cui blu e rosso). Decisamente più economico se rapportato ai precedenti: si parte da 749 dollari (in Italia da 889 euro).

IOS 12 – E con i nuovi iPhone arriva anche l’aggiornamento del sistema operativo per dispositivi mobili. L’iOS 12, disponibile dal 17 settembre, introduce diverse novità. Siri, l’assistente vocale, ad esempio si fa più intelligente: conoscerà le nostre abitudini o necessità e ci suggerirà cosa fare; mentre sarà più facile correggere i refusi grazie a un trackpad nascosto che appare tenendo premuta la barra spaziatrice e consente di muoversi agilmente tra le lettere. Inoltre sarà possibile personalizzare ancora di più le faccine (le Memoji) e ci sarà anche lo Screen Time, un contatore del tempo che passiamo con lo smartphone in mano, dentro una app o su un sito web.

QN