Il 7 settembre ha aperto 10 Corso Como New York, il corrispettivo newyorkese del famoso “concept store” fondato nel 1991 a Milano da Carla Sozzani, gallerista, fashion editor e sorella dell’ex direttrice di Vogue Franca Sozzani. All’epoca non esistevano negozi del genere, quindi si usò un’espressione nuova, “concept store”, per indicarne l’unicità: vestiti, scarpe, cosmetici, libri e riviste di moda e fotografia erano accuratamente selezionati uno per uno tra quelli più interessanti, innovativi e di pregio offerti dal mondo della moda e del design. Il negozio contribuì anche alla fama di nuovi stilisti selezionando i loro lavori, o commissionando linee apposite di spille, magliette, borse, tazze; ospita anche un bar e uno spazio per mostre fotografiche.

10 Corso Como diventò presto a Milano il posto dove andare per trovare gli oggetti e gli abiti del momento, e venne ammirato e copiato in tutto il mondo con l’apertura di altri celebri “concept store”, primo tra tutti Colette di Parigi, chiuso nel dicembre 2017. Nel frattempo 10 Corso Como ha aperto a Shanghai, Pechino e Seul, mentre in Italia ha affrontato e risolto debiti e guai finanziari.

Il negozio di New York si trova a Seaport, vicino al ponte di Brooklyn e ben lontano dalla Fifth Avenue e i luoghi tradizionali della moda newyorkese. Si estende su un unico piano di 2.600 metri quadrati, ha un bar, un ristorante, una libreria e una galleria d’arte e, come la versione italiana, è stato progettato e decorato dall’artista americano Kris Ruhs, che inventò anche il famoso logo in bianco e nero. Si potranno trovare marche affermate come Alaïa e Comme des Garçons, e di nicchia come il marchio britannico di streetwear A Cold Wall e Sies Marjan, che vende abbigliamento femminile di lusso.