FIRENZE, Italia – Quando Craig Green è stato offerto il posto di headliner al Pitti Uomo di Firenze, è stato torturato. Significava che gli mancavano le collezioni maschili a Londra e, con il suo spettacolo come fulcro di quel particolare programma, Green conosceva l’impatto che avrebbe avuto la sua assenza. Quello non era ego. Era semplice decenza umana. Verde, in altre parole. È un bravo ragazzo.

Allo stesso tempo, il suo dilemma fu alleviato dal fatto che un sacco di acquirenti che non erano mai arrivati ​​a Londra sarebbero finalmente riusciti a vedere uno spettacolo Craig Green a Firenze. Bel ragazzo, ma intelligente come una frusta. Come la sua presentazione di giovedì sera. La scelta della location di Green era contro-intuitiva – non qualcosa di umile e anonimo (la sua solita scelta a Londra) – ma la grandiosità dei Giardini di Boboli dei Medici. Voleva cogliere l’occasione per mostrare all’esterno, qualcosa che non si è mai sentito abbastanza sicuro di fare a Londra.

Ma poi Green optò per un annesso alberato nel giardino. Fuori, sì, ma appena grandioso, anche se appese lo spazio con enormi stendardi neri. Era quasi come se stesse nascondendo le sue scommesse, come se stesse dicendo, “Ti darò QUESTO spettacolo, e non di più.”

Forse sta tentando di speculare in modo così appassionato sulle motivazioni di un designer, ma Green incoraggia la speculazione a causa del modo in cui il suo lavoro mescola ambiguità e impavidità. Ha chiuso il suo spettacolo giovedì con i penitenti con i piedi nudi vestiti con abiti color cravatta (sembravano enormi quadrati trapuntati di tessuto allacciati nello stile di Green, quasi come Miyake), un’immagine che evocava una delle sue collezioni più affascinanti. nella sua peculiare, nuda spiritualità.

Ed è vero – in seguito, Green stava parlando di paradiso e angeli, ma in un modo completamente pragmatico. Sosteneva di essere stato ispirato dagli abiti da lavoro degli addetti alle pulizie, e anche dai camici dei chirurghi, “persone che ti tengono la vita nelle loro mani”, li chiamò. “Angeli dei tempi moderni, salvatori dimenticati”. Quindi si potrebbe dire che l’aspetto uniforme della collezione era fino agli scrupoli più paradisiaci della storia dell’ospedale.

Ma l’abbigliamento da lavoro è sempre stato alla base dell’etica del design di Green, quindi il suo predominio qui era parte integrante del designer che si consolidava per quel pubblico che non lo aveva ancora incontrato in un ambiente dal vivo. Sembrava certo che il suo spettacolo fosse una brillante introduzione al mondo di Craig Green, se non sapessi già chi fosse.

Non era solo la precisione delle sue uniformi , o l’altrettanto esclusivo uso di cravatte e corde (sembravano quasi delle arterie mentre attraversavano le boscaglie). L’uso del colore da parte di Green ha raggiunto nuove vette, nella delicata stratificazione quasi da lingerie o nei top aderenti al corpo. La loro estrema sportività è stata sottolineata da una capsula della sua prima collaborazione di abbigliamento, con Nike, su una manciata di capi realizzati con quella roba Flyknit che di solito usano per le scarpe da ginnastica. E c’erano le felpe con cappuccio e i parka che ora i classici di Green, anche se qui sono stati resi più seducenti da un disegno futuristico.

It suggested circuitry pulsing beneath the skin, an eerie undertow which tied neatly into the ambiguity that feeds the Green enigma. Some of the models were framed with wooden contraptions, as they have been since the designer’s graduate show at Central St Martins. A few looked like the outlines from crime scenes. Green said he was fascinated by how ten people could see the same thing but report it in a different way. The unreliability of reality, in other words. (Call it the “Rashomon” effect.)

Ma ha detto che era ugualmente affascinato dalla nozione di alone che si aggirava intorno a noi, seguendoci anche se non ne siamo consapevoli. Gli aficionados del film horror “It Follows” saranno immediatamente correlati. Green ama i film horror. Forse non considereresti “The Shape of Water” come uno, ma ne fu un’eco eclatante nel tessuto che svolazzava anfibio lungo le spine delle sue cime e le cuciture dei pantaloni, definizione sfuocata. Ridefinendo la realtà, infatti.

Green ha detto che la cosa più spaventosa per lui era la realtà. “La cosa migliore è l’ignoto.” Chiamò il suo lavoro un portale, una porta. Forse è il suo ultimo potere. Apri la porta ed entra in qualche altro posto, qualcosa di piuttosto lugubre nel suo effetto collaterale. L’unica altra persona alla moda che sta ottenendo qualcosa di lontanamente vicino è Alessandro Michele .