MILANO, Italia – “I giorni dello streetwear sono finiti per noi designer, almeno questo è quello a cui sto lavorando. È tempo di offrire qualcosa di più sostanzioso di un gruppo di felpe: ci sono già molti marchi di abbigliamento urbano che lo fanno già, e molto bene “, ha detto il designer Alessandro Dell’Acqua nel backstage della fiera numero 21.

I suoi pensieri sono in sintonia con quelli di Miuccia Prada , un altro fornitore dell’antidoto sartoriale all’abbondanza di tute e pezzi pigri e facili, che hanno inquinato le terre della moda negli ultimi tempi. Altre strane somiglianze: pantaloncini su misura come via d’uscita dalle trappole dell’abbigliamento sportivo, disposte a ringiovanire il formalwear lungo la strada. Realizzava uno spettacolo consistente e molto buono di capi indossabili con una sorta di sensualità asciutta che annunziava apertamente e volentieri fino agli anni ’90. Un’altra somiglianza con Prada, gli impermeabili in PVC, che hanno aggiunto una gradevole dose di stranezza al tutto.

Dell’Acqua merita i complimenti per aver cercato di portare avanti la conversazione sulla moda – a Milano pochissimi lo stanno facendo. Il meno era il palpabile Prada-ismo: un tratto che è un problema permanente per Dell’Acqua, ma di cui dovrebbe facilmente sbarazzarsi.