Michael Halpern ha mostrato la sua versatilità per la primavera del 2019, dimostrando che c’è di più nel suo modo di scrivere che di luccichio, anche se, con gratitudine, ce ne sono ancora molti.

Giunto alla quinta stagione del programma londinese, le collezioni high-ottane di Halpern sono state accolte con entusiasmo dai retailer, come Browns e Bergdorf Goodman.

Fino ad ora, ha minato gli anni Settanta e l’edonismo dell’era della discoteca. Per la prossima stagione, ha guardato negli anni Sessanta in un omaggio a sua nonna e alle donne pioniere della sua generazione.

C’erano dei paralleli con gli stilemi d’avanguardia di Courrèges nei provocatori ritagli circolari che offrivano scorci di ossa d’anca, in uno sguardo che si raddoppiava mentre le tasche fuoriuscivano da una ghirlanda di organza nera che si trasformava in un treno. L’influenza di Pierre Cardin si può vedere nei cappucci attillati, sotto gli abiti a tunica e le audaci strisce e assegni.

Lanciato il fuoco da paillettes a una nozione generale di lucentezza, Halpern ha distribuito la vernice in una giacca rosa corta e una minigonna rossa, drappeggiata per cadere in una singola cascata architettonica. Una serie di vestiti con cave di georgette color oro mostrava una piacevole fluidità, mentre un miniabito in organza color blu balzò aveva una balza sulla spalla che scorreva verso un treno che spazzava il pavimento.

Un motivo di foresta pluviale blu e giallo acido stampato sul denim sembrava un po ‘poco sofisticato al confronto.

Ma questa è un’etichetta che affonda le proprie radici in un’avversione sfacciatamente affascinante – e ce n’era ancora in abbondanza. I razzi paillettes con motivi a contrasto su entrambe le gambe sembravano languidi nonostante il bling se abbinati a un top a collo a imbuto drappeggiato oa una t-shirt paillettes rossa e blu squadrata.