Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-3.jpg (660×439)Situato in una strada nel quartiere più alla moda di Milano, il Four Seasons Hotel Milano è un confortevole e segreto santuario con elegante ingresso discreto in Via Gesù , a soli 6 minuti a piedi dall’elegante sala da pranzo Paper Moon, a 10 minuti da Milano. famose boutique del lusso del Duomo e l’imponente cattedrale del Duomo.

Penthouse-Suite-Terrace-Four-Seasons-Hotel-Milano.jpg (660×445)

La Penthouse Suite è una disposizione ariosa di arredi contemporanei e internazionali che occupa l’intero quinto piano dell’Hotel all’interno dell’ala della casa ringhiera.

Inaugurato nel 1993, il Four Seasons Hotel Milano è stata la seconda proprietà in Europa dell’azienda, rendendola una delle proprietà più storiche del marchio, oltre a servire come tempio raffinato per il decantato patrimonio della città: il Four Seasons di Milano è ospitato in un ex Convento del XV secolo, dove una volta passato l’ingresso quasi segreto di Via Gesù, si è immediatamente accolti dall’elegante bar Il Foyer e dalla sala incorniciata da colonne di granito che un tempo sostenevano la chiesa di detto convento.

Risultati immagini per four season milano foto

Attraverso un minuzioso restauro, il Four Seasons ha infuso sottilmente l’essenza di Milano con l’iconica eleganza del marchio – Frammenti di affreschi, un bellissimo emblema del passato santificato dell’edificio, creano uno scenario meditativo per rilassanti interni eleganti con rigogli architettonici classici.

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-6.jpg (660×633)

L’elegante lounge bar Il Foyer di Milano, il Four Seasons Hotel

Composto da tre edifici disposti intorno a un cortile di clausura all’interno del Quadrilatero della Moda di Milano – il lussuoso quartiere della moda, contornato da Via Montenapoleone, Via della Spiga, Via Sant’Andrea e Via Manzoni, l’unta descrizione di “santuario” non è semplice iperbole editoriale – il cortile centrale, arredato con giardini incassati curati, non è solo una semplice vista per i tavoli del premiato ristorante La Veranda, è definito calmo e sereno, per i viaggiatori come me, meno di un volo lungo raggio, è il giusto tipo di dintorni per facilitare l’orologio biologico nel fuso orario GMT + 2 in Italia.

La palestra del seminterrato, appena oltrepassato il paradiso termale progettato da uno degli architetti più influenti del mondo e trovai attrezzature per l’esercizio fisico oltre i miei sogni più sfrenati: un supporto per esercizi per la parte superiore del corpo completo di barre resistenti per Era presente il lavoro sulle spalle e le immersioni, se non venivano notate all’interno dell’allegato secondario dell’area di allenamento principale. Questa seconda alcova era un angolo dedicato al lavoro di yoga, completo di tappetini per lo yoga, sfere e rulli per lo yoga, per non parlare di un mini bar ben fornito con Gatorade  e scelta di still o acquavite frizzante.

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-7.jpg (660×653)

La Spa di 800 metri quadrati dell’hotel invita gli ospiti a sperimentare terapie e rituali orientati al benessere in uno spazio caldo, accogliente e tranquillo progettato nel vero spirito Four Seasons dal designer e architetto spagnolo di fama mondiale Patricia Urquiola.

Dopo un breve periodo di 45 minuti di allenamento ad alta intensità, sono sufficientemente esausto per una leggera siesta e per accelerare l’acclimatazione del mio corpo al nuovo fuso orario. Nota di viaggio del redattore: C’è un parco a soli due isolati dall’hotel, un ottimo modo per arrivare in 5 km ogni mattina.Un pulsante su pannelli a muro spinge la stanza nella completa oscurità, spesso dato per scontato perché, mentre gli hotel più decenti avranno persiane luminose, l’hotel Four Seasons Milano non ti obbliga a giocare a “puzzle” nel tentativo di mantenere scaglie di luce dalla tua stanza. Prendendo un meritato bagno caldo in una vasca accessoriata con la parte superiore dei miscelatori e dei rubinetti di Hansgrohe, sprofondo in un bagnoschiuma di schiuma Acqua di Parma, lasciando che le palpebre pesanti si abbassino sugli occhi stanchi, con nient’altro che l’eccitazione dell’elettronica downtempo di Spotify.

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-9.jpg (660×880)

Foto: Jonathan Ho

Le  camere e suite dell’Hotel Milan sono disposte intorno al cortile interno in tre
edifici comunicanti. Anche se inusuale, il layout è estremamente intelligente e innovativo, consentendo la separazione di gruppi di camere e suite, sia per la privacy degli ospiti e dei partecipanti alla conferenza, sia per le opzioni di sicurezza avanzate per i VIP e gli uomini d’affari in viaggio che potrebbero non volere per mescolare il ritmo del business aziendale con l’atteggiamento casuale delle élite in vacanza.

Progettato intorno all’architettura originale del XV secolo, ogni camera è individuale, mescolando dettagli storici con un design italiano senza tempo. Le camere standard e deluxe sono decorate nei toni del verde, ocra e terracotta, con tessuti Fortuny, biancheria Frette e radica di sicomoro su misura e mobili in legno di pero. Le caratteristiche comuni in tutte le camere includono un’area salotto con divano e un’ampia cabina armadio. I bagni in marmo di Carrara includono pavimenti riscaldati e specchi retrovisori riscaldati e resistenti al vapore.

Risultati immagini per four season milano foto

Four Seasons Hotel Milano Fashion Suite

Le Junior Suite ed Executive Four Seasons si trovano nelle zone più tranquille dell’Hotel e
offrono viste su uno dei cortili interni o su Via Gesù. Tocchi residenziali includono tappeti di lana irlandese e pavimenti in parquet lucido. Alcune delle suite conservano le caratteristiche originali come i soffitti alti o riccamente dipinti, i balconi con gradini o l’accesso diretto al giardino del cortile di clausura. Detto questo, il pezzo forte del Four Seasons Hotel Milano è il più elegante: la Fashion Suite o la camera n. 555.

Milano Fashion Suite, 555

Situata nell’ala della “casa ringhiera” del Four Seasons Hotel, la Milano Fashion Suite (la moda è un business serio in città nel caso non lo si comprenda già) è progettata in armonia con lo stile tradizionale del Nord Italia, sistemato attorno a balconi aperti che si affaccia su un atrio coperto di vetro. All’interno, l’arredamento di design della suite trasmette l’aria di un accogliente appartamento di città.

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-5.jpg (660×693)

Suite “Designer” di Four Seasons “Designer”, 301

Suite “Designer” di Four Seasons “Designer”, 301

Inutile dire che l’altra stanza preferita di un editore itinerante è l’indimenticabile eleganza: la Four Seasons Caruso Suite, una stanza di design dalle linee meravigliose, adatta per occasioni di lavoro, di piacere o romantiche. Disposto come un appartamento in stile loft, la suite è decorata nei toni del malva, blu, rosso, grigio chiaro e moka con balconi step-out che si affacciano sul cortile principale. Gli arredi eclettici e stravaganti combinano elementi contemporanei su misura con pezzi d’antiquariato originali: dalle luci di Castiglioni e il busto di marmo di un dio del lusso con gli occhi bendati dello scultore Pieter von Balthasar a una sedia Luigi Filippo, tavolini in argento siriano e cruciverba in noce e quercia .

Pranzo presso il Four Seasons Hotel Milano – La Veranda

Un programma fitto di appuntamenti significava che questo editore consumava solo il pasto della prima sera e le successive colazioni al premiato bistrot La Veranda del Four Seasons Hotel Milano. La sala da pranzo aperta tutto il giorno dell’Hotel Milan occupa un’ampia area giardino d’inverno affacciata sul giardino del cortile. Vestito con tonalità luminose di tende veneziane gialle e bianche, La Veranda trasmette un’atmosfera conviviale all’arioso ristorante dove un menu segmentato offre selezioni tradizionali e innovative di cucina mediterranea stagionale, oltre a vaste opzioni vegetariane. Quando a Milano, ci sono quattro cose che devi avere per rendere un’esperienza completa (in nessun ordine particolare) – Pasta, Gelato, Espresso e, naturalmente, Cotoletta alla milanese.

La-Veranda-Restaurant-Four-Seasons-Hotel-Milano.jpg (660×439)

La Veranda non è un semplice ristorante dell’hotel, ma è anche la preferita dai nativi, in particolare per i raffinati piatti d’autore del Risotto Milanese (vincitore del premio risotto
milanese “Giallo Milano 2008”) e per i suoi fiori di zucca ripieni di ricotta e menta con salsa leggera al pesto; Detto questo, ho optato per il vitello, non rendendomi conto che sarei andato a cena da Paper Moon la sera successiva.

La colazione al Four Seasons Hotel Milano è un affare relativamente semplice – non è esattamente una diffusione continentale, ma una sorprendente varietà di muesli e yogurt sono disponibili, salumi affumicati e salmone affumicato, oltre a vari dolci e prodotti da forno francesi, ma è stato la zuppa di polenta e miso che ha attirato la mia attenzione, se non altro perché la cucina asiatica è una rarità negli hotel europei. Tuttavia, sono andato decisamente per l’espresso e un set di uova strapazzate e salsicce. Sebbene non eccezionale, era perfettamente fatto e ben salito.

 

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-10.jpg (660×435)

Paper Moon – inaugurato nel 1977 da Pio Galligani e la moglie Enrica del Rosso, il primo ristorante in via Bagutta è imballato senza prenotazione di due mesi in anticipo durante la settimana della moda e quasi impossibile ottenere un tavolo tramite walk-in quasi tutte le sere. Un caposaldo della storia culinaria della città, Paper Moon Milano è un locale accogliente, pieno di intimità e personale (se affrettato, solo perché il ristorante è sempre a pieno regime). Cosa ordinare a Paper Moon:  Per iniziare,  Carpaccio di polpo del Mediterraneo con olive taggiasche e songino – un carpaccio di polpo a fette sottili con
insalata di olive taggiasche e mache. Carpaccio di manzo con rucola e grana padano – Carne cruda a fette sottili con insalata di rucola e formaggio grana padano rasato. Portata principale, Battuta di manzo alla Paper Moon – Manzo in padella con olio d’oliva, aglio, rosmarino e peperoncino. Entrecôte di manzo con  verdure grigliate – Rib eye con verdure grigliate.  Linguine Senatore Cappelli alle vongole veraci – Linguine Senatore Cappelli con vongole e aglio. Dessert,  Tiramisù Paper Moon. Da bere , Brunello di Montalcino · Ridolfi

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-11.jpg (600×600)

Venchi Cioccolato e Gelato, Milano Via Mercanti, Duomo –  Un’ampia gamma di raffinati cioccolatini e gelati artigianali della tradizione italiana serviti in un ambiente elegante e accogliente con Caffetteria, idealmente situata tra il Duomo e il Castello Sforzesco a due passi da il distretto della moda.

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-71.jpg (660×495)

 

Il Duomo si trova a 10 minuti a piedi dal Four Seasons Hotel Milano. Foto: Jonathan Ho

Il Duomo – la quinta cattedrale più grande del mondo, un capolavoro gotico rivestito di marmo grigio-rosa con oltre 3.500 statue, terrazze sul tetto e spazio interno per 40.000 persone

Santa Maria delle Grazie – il monastero del XV secolo che ospita l’Ultima
Cena di Leonardo da Vinci (L’Ultima Cena – Il Cenacolo Vinciano) nel suo refettorio

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-8.jpg (660×880)

La Galleria Vittorio Emanuele II è a 10 minuti a piedi dal Four Seasons Hotel Milano. Foto: Jonathan Ho

Galleria Vittorio Emanuele II – nota come la galleria commerciale più antica del mondo, contenente quattro piani di boutique e ristoranti sotto una cupola di vetro alta 47 m

Pinacoteca di Brera – una delle più grandi gallerie d’arte d’Italia, contenente la più bella collezione di arte medievale e rinascimentale del paese tra cui il Cristo morto di Mantegna e il fidanzamento di Raffaello con la Vergine

Editors-Travels-Three-Days-Two-Nights-Four-Seasons-Hotel-Milano-12.jpg (660×440)

 

Fondazione Prada, Osservatorio di Milano – Restaurato e curato da Prada , l’Osservatorio, uno spazio espositivo dedicato alla fotografia e ai linguaggi visivi, situato nella Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, dove si esplorano le tendenze e le espressioni della fotografia contemporanea.

I Navigli – sistema di canali storici del 12 ° secolo e raffinato ripetutamente, non da ultimo da Leonardo da Vinci. Il quartiere centrale intorno a Navigli Grande e Pavase è tra i più chic di Milano, con boutique alla moda, locali notturni e un mercato di antiquariato mensile. Four Seasons Hotel Milano offre crociere personalizzate sui Navigli per sperimentare la bellezza pastorale della Lombardia a un ritmo facile, con trasporto in limousine, visite a ville storiche, pranzo in un Relais e Chateaux di proprietà familiare e ritorno in città in barca sul canale.