Risultati immagini per IN MOSTRA FINO ALL'8 OTTOBRE A NEW YORK Heavenly Bodies oltre il milione di visitatori foto

Aperta al pubblico dallo scorso 10 maggio – con Anna WintourDonatella Versace e Rihanna come madrine dell’opening party -, Heavenly Bodies esplora un legame finora poco analizzato, quello tra moda e cattolicesimo.

Il milionesimo ingresso è datato 23 agosto, con soddisfazione dell’organizzatore Andrew Bolton e della curatrice Wendy Yu, artefici della più vasta esposizione mai ospitata da The Costume Institute e dal Met, articolata su circa 6mila metri quadri e 25 gallerie, alcune delle quali all’interno dei Cloisters, aree che il Met dedica alle arti medievali.

Risultati immagini per IN MOSTRA FINO ALL'8 OTTOBRE A NEW YORK Heavenly Bodies oltre il milione di visitatori foto

Forte di numeri così importanti, Heavenly Bodies svetta tra le esposizioni del Costume Institute ed è terza per quanto riguarda il Met, scalzando The Vatican Collections del 1983 e posizionandosi dopo Mona Lisa (1963) e Treasures of Tutankhamun, che nel 1978 sfiorò un milione e 361mila persone: non è improbabile che, terminando a ottobre, riesca a superare questa cifra.

I pezzi forti sono soprattutto 42 tra paramenti e accessori forniti dal Vaticano, molti dei quali mai usciti prima d’ora dalla sacrestia della Cappella Sistina, senza contare le creazioni di famosi marchi del prêt-à-porter: da Alexander McQueen, Yves Saint Laurent, Dolce&Gabbana,Balenciaga e John Galliano per Dior a Versace, quest’ultimo tra i sostenitori dell’esposizione insieme a Stephen A. Schwarzman – chairman e ceo di Blackstone Group, oltre che filantropo e mecenate – e alla moglie Christine, con il contributo di Condé Nast.