A 50 anni dalla vittoria di Zingara al Festival di Sanremo, Iva Zanicchi sarebbe pronta a tornare sul palco dell’Ariston. “Per ora non mi ha contattato nessuno dal Festival, ma aspettiamo, si fa sempre in tempo. Se vado, – ha rivelato la cantante ai microfoni di Radio2 Rai durante il programma I Lunatici –  partecipo alla gara, non mi piace essere ospite. C’è una canzone pronta ed è un pezzo bellissimo. Bacalov prima di morire mi aveva promesso una canzone. Me l’ha mandata, me l’ha scritta ed è emozionante. È una bellissima canzone. Forse meriterebbe questa possibilità”.

Risultati immagini per iva zanicchi foto

Nel corso del programma, Zanicchi ha parlato anche della sua carriera politica dicendosi pentita degli anni da Eurodeputata prima per Forza Italia e poi per il Popolo della Libertà: “Non lo rifarei, anche se ci ho creduto, ho dato l’anima, l’ho fatto con passione e impegno ma non mi hanno presa sul serio”. “È difficile – ha spiegato – essere credibili quando si viene dal mondo dello spettacolo. Devi faticare dieci volte tanto. Il primo anno mi chiamavano zingara, il secondo Iva, solo l’ultimo anno anche onorevole”. Infine un commento sul leader della Lega. “Salvini – ha detto a Radio2  – l’ho conosciuto quando ero europarlamentare. È un gran lavoratore, un combattente. E poi non scandalizziamoci. In campagna elettorale ha detto delle cose, ora cerca di attuare ciò che ha promesso ai propri elettori. Io non l’ho votato, ma chi l’ha votato dovrebbe essere felice, prova a realizzare ciò che ha detto. Lasciamolo lavorare, vediamo poi cosa potrà realizzare”.