Video: Berluti Autunno / Inverno 2018

Mentre i colleghi stilisti come Kim Jones a Dior e Virgil Abloh a Louis Vuitton stavano facendo ondate con i loro debutti in passerella a giugno, Kris Van Assche è andato per la sottile rivelazione. La sua prima capsule collection è stata concepita come prologo per la sua prima sfilata nel gennaio 2019 ed è stata presentata in silenzio agli acquirenti negli showroom. Per la nuova Berluti Men’s Spring 2019, Kris Van Assche reinventa le silhouette Berluti ritratte attraverso il mix di sartoria e sportswear.

Berluti Men’s Spring 2019

LOOK-1.jpg (660×880)

Mentre la collezione può sembrare minimizzata, fa tutto parte intenzionalmente del progetto per le collezioni future. La sua linea di capsule riflette le graffette contemporanee del guardaroba di ogni uomo, con le tele bianche che rappresentano le prime pagine della prossima esplorazione.

Osservando l’eredità di Berluti, il direttore artistico Kris Van Assche identifica i marchi della Maison e li reinterpreta per una nuova era intergenerazionale. Lo “Scritto”, un manoscritto del XVIII secolo che appare normalmente sulle scarpe Berluti, è presente in diversi capi della collezione: come una stampa grafica nera su una T-shirt bianca, un motivo multicolore su una maglietta nera, o un tono su -tone accenti jacquard su uno smoking color crema.

Nel frattempo, la firma della patina della Maison si sviluppa in una doppia colorazione blu e rossa, riecheggiata in borse e abiti come il maglione girocollo in cashmere e seta.

La prima capsule collection di Van Assche è un cenno del futuro quando ha messo in scena la nuova firma “Berluti 1895 Paris”, disegnando la linea tra lo stile elegante e androgino costruito dal suo predecessore. E ci si può aspettare solo cambiamenti più distintivi al suo debutto a gennaio.