La tartaruga che va in giro con una sedia a rotelle fatta di Lego

6

Risultati immagini per La tartaruga che va in giro con una sedia a rotelle fatta di Lego foto

Al Maryland Zoo hanno fissato al guscio di una tartaruga ferita una ingegnosa carrozzina che la aiuterà a guarire

Un piccolo ospite convalescente del Maryland Zoo di Baltimora si sposta a bordo di un curioso veicolo: una mini sedia a rotelle, fatta su misura con pezzi di Lego.

L’OPERAZIONE CHIRURGICA 
La tartaruga, un esemplare maschio della specie scatola comune (Terrapene carolina), è stata trovata a luglio in un parco, in gravi condizioni, da un dipendente dello zoo. Aveva il piastrone (la parte inferiore del guscio che protegge il ventre) ridotto in frantumi, una condizione al di là della sua capacità di guarigione naturale e che l’avrebbe con tutta probabilità condotta alla morte.

Risultati immagini per La tartaruga che va in giro con una sedia a rotelle fatta di Lego fotoI medici dello zoo si sono quindi impegnati un una complicata operazione chirurgica per ricomporre i frammenti del piastrone, fissandoli con piastre di metallo, gancetti e filo da sutura. Intervento riuscito, ma qui è sorto un nuovo problema: perché le schegge si saldino serviranno mesi, come evitare intanto che la pancia della tartaruga tocchi terra?

LA CARROZZINA DI LEGO 
Ovviamente non esistono sedie a rotelle già pronte per testuggini. Uno dei veterinari dello zoo ha pensato allora di commissionarne una su misura a un amico appassionato di Lego, il quale si è messo all’opera trasformando in realtà gli schizzi buttati giù dai medici.

Risultati immagini per La tartaruga che va in giro con una sedia a rotelle fatta di Lego foto
Monta due ruote per lato ed è fissata ai bordi del carapace con dello stucco da sanitari, che garantisce una tenuta a lunga durata. Tiene sollevata la tartaruga quanto basta per non farle strisciare la pancia, permettendole al tempo stesso di camminare liberamente con le sue zampe. Dal canto suo, lei si è abituata senza problemi alla carrozzina, che le farà compagnia almeno fino alla primavera quando si prevede che il guscio sarà perfettamente guarito. Dopo di che, la tartaruga sarà riportata nel suo habitat naturale.

QN