Il duo tedesco che ha iniziato all’università forma quintessenz, con un focus sulla produzione di arte che crea / crea spazio per il suo colore. ‘  
gli strati iniziano piccoli e avanzano di dimensioni in tangente con lo schema a colori 
tutte le immagini di  jewgeni roppel / quintessenz

in una rovina vecchia di 400 anni nel piccolo villaggio di kagatika sull’isola di Paxos, gli artisti hanno usato oltre 120 sfumature di colore nella loro installazione. quintessenz ha creato più strati che diventano progressivamente più grandi mentre si cammina verso la finestra trovata alla fine dell’installazione, che fornisce anche un punto di osservazione al mare. 

secondo gli artisti, il progetto ‘ crea l’interfaccia tra analogico e digitale’

il vento e la luce del sole fanno sì che l’installazione appaia come un corpo digitale, imitando i cartelloni pubblicitari e le luci tremolanti che si trovano ovunque nella società di oggi, il duo ha sviluppato una giustapposizione in questa rovina vecchia di 400 anni. gli artisti incoraggiano i visitatori a “prendere un momento e godersi semplicemente la luce e la traduzione del vento nel materiale “, e posizionare “le loro fotocamere dei telefoni cellulari nelle loro tasche “. ci sono altre 7 installazioni di artisti come parte del progetto paxos . 

l’installazione termina con una vista sul mare ionico che avvolge l’isola greca di paxos

quintessenz ha usato vecchi edifici di fabbrica come le loro tele nel passatoluce e vento forniscono l’installazione con l’energia cinetica per apparire come è 
paxos digitale progetto di arte contemporanea ‘ cerca di evidenziare lo spirito dell’isola’