A distanza di quasi un anno dalla scomparsa dello stilista di origini tunisine Azzedine Alaïa, anche Milano lo ricorda con una retrospettiva che vedrà la luce durante la fashion week.

Promossa dalla Azzedine Alaïa Foundation e Vogue Italia, in collaborazione con Place Vendôme Qatar, la mostra è stata curata da Olivier Saillard e traccia il percorso creativo dello stilista dagli anni Ottanta fino alla sua ultima sfilata, andata in scena a Parigi a luglio 2017.

Azzedine Alaïa Couture Sculpture, questo il titolo dell’exhibition, sarà inaugurata il prossimo 20 settembre e animerà la Sala degli Arazzi di Palazzo Clerici durante la fashion week milanese, dal 21 al 25 settembre.

Protagonisti 21 look disegnati dal designer, esposti su manichini ispirati a Naomi Campbell, amica-musa di Azzedine Alaïa.

L’Associazione Azzedine Alaïa è stata fondata da Carla Sozzani Christoph Von Weyhe, che insieme al creaativo hanno lanciato il progetto nel 2007, con l’obiettivo di costruire un ponte tra la moda, l’architettura, l’arte e la fotografia (nella foto, due scatti dello stilista con Naomi Campbell).