NEW YORK, Stati Uniti – Non è la prima volta in questa settimana che “wanderlust” è stato invocato come la genesi di una collezione, ma dove Tory Burch ha fatto riferimento alle peregrinazioni mediterranee dei suoi genitori, Anna Sui aveva in mente fughe più fantastiche: Shangri-La, Bali Hai, Avalon, il Giardino di Allah e altri idilici sognanti di leggenda.

“Tutto ciò di cui sono stato affascinato ultimamente è molto trasportabile”, ha detto Sui durante un’anteprima. Come molti altri, ha bramato una sospensione temporanea dal ciclo di notizie frenetiche, frustranti e opprimenti.

È il genio di Sui che è sempre stata in grado di creare universi di moda alternativi che sono assolutamente convincenti nei loro dettagli squisitamente ricercati. Ma questo ultimo sforzo è stato particolarmente vero. Ascoltala solo attraverso un compendio di ispirazioni: le tessere del casinò Avalon in Catalina; un murale polinesiano da una diffusione nella rivista World of Interiors; le pareti ricoperte di conchiglie del cottage Marianne Faithfull prese in prestito nella contea di Kildare, in Irlanda; Arte marinaio del XIX secolo; ma, soprattutto, i leggendari progetti di Tony Duquette per il film del 1955 “Kismet”.

Sui lo scenografo Jerry Schwartz ha ricreato il bazar di Duquette, lo sfondo della canzone di successo “Baubles, Bangles and Beads” del film, e ha invitato il suo pubblico ad arrivare presto e fare acquisti nei chioschi allestiti da una manciata dei suoi venditori preferiti. Proprio come un vero bazar.

Ovviamente, tutta questa ispirazione e questo sforzo sarebbero solo delle attenuazioni superficiali se Sui non potesse consegnare i beni. Ma la sua nuova collezione era un seducente mix della vecchia decadenza hollywoodiana e dello streetstyle glamour. Un po ‘come la Black Dahlia in uno spettacolo di Travis Scott. Turbanti scintillanti e cappelli a secchiello. Giacche nere da devoré e giubbotti da pesca in broccato. Scarpe con zeppa (e calzini) e scarpe da ginnastica con paillettes (con un motivo a sirena).

Dilone ha unito tutto in un prendisole in broccato a tutta lunghezza, a fessura con la coscia e sul retro (con cappello a secchiello e scarpe da ginnastica) che era un’irresistibile combinazione di casual e elegante. E la colonna sonora di Frederic Sanchez era un brillante contrappunto allucinatorio, ragtime inframmezzato da canzoni del periodo di Berlino di Bowie.

Accentua l’imprevedibile: quella era la battuta di Sui. Ha infilato un bazar sulla sua passerella perché si chiedeva: “Come fai a rendere interessante il dettaglio?” La collezione era piena di simili colpi di scena sul familiare: una giacca da motocross con un enorme ananas ricamato, bordi in pizzo che, a un esame più attento, erano piccioncini e palme, gioielli Bulgari ricreati in conchiglie.

Per un mondo in cerca di fuga, c’erano biglietti in abbondanza. E Anna Sui è un agente di viaggio di cui ti puoi fidare.