NEW YORK, Stati Uniti – Un enorme schermo avvolgente mostrava i momenti iniziali di “Jaws”. C’era trepidazione. Vedremmo il morso di squalo? No, prima di quel terribile momento, il primo modello ha attirato la nostra attenzione … in un blazer di tweed su una muta! Uno shock. Non lo shock di un morso di squalo, ma ancora qualcosa progettato per scardinare.

Tutte le ispirazioni dietro la CALVIN KLEIN 205W39NYC SS19  Attenti allo squalo | Image 1

E così la presentazione dell’ultima collezione di Raf Simons per Calvin Klein non è stata salvata, come un surreale mash-up di celluloide. “Jaws” era ovvio. Gli schermi e le magliette ce l’hanno fatta. I ragazzi del college in passerella in sparvieri e camici avevano bisogno di un po ‘più di tempo. Simon e Garfunkel nella colonna sonora sono stati di aiuto. “The Graduate”, ha detto Raf utilmente, dopo lo spettacolo. “Questi due film erano importanti nella mia memoria.” E qui sono stati usati come benchmark nella sua ultima indagine sul panorama psicologico ed emotivo americano.

In passato, sotto l’influenza dei suoi maestri Hitchcock e Lynch, Simons ha esposto il nucleo mostruoso del sogno americano. Lo spettacolo di lunedì sera non era diverso. Il suo tema era, ha detto, il modo in cui “la bellezza ultima può trasformarsi in un disastro definitivo, nell’amore, nella natura, nella politica”. La condizione umana in una piccola palla stretta, in altre parole.

In quella luce, la collezione non era affatto ottimista, ma aveva una tensione avvincente tra proprietà mediocri americane e sensualità nauseabonda. Da un lato, abiti da cocktail floreali schiacciati, tempestati di spille e abbinati a tacchi da gattino. Dall’altra, mute in gomma nera sudata. Mrs Robinson, posso presentarti a Bartholomew Quint.

I due mondi si scontrarono in gonne pieghettate a raggi di sole con enormi morsi di squalo presi fuori da loro, un’immagine che era la quintessenza surreale ma campy di tutte quelle scene nei film di Hitchcock e Lynch in cui gli emblemi della vita quotidiana diventano soffusi di terrore.

È un sentimento che Simons trasmette regolarmente nel suo lavoro, non solo per Calvin Klein ma anche nelle sue collezioni. Ripensa alla sua lettera maglioni, sfilacciata, mordicchiata da Dio solo sa cosa. Qui, è stato amplificato in quegli abiti da cocktail schiacciati, con il loro peculiare senso di catastrofe incipiente, o nei convenzionali blazer sartoriali e maglieria accoppiati, estremamente anticonvenzionali, con la gomma nera.

L’atmosfera era un mondo fuori dai binari, con un enorme, mostruoso id che girava appena sotto la fragile superficie delle cose, in attesa di masticare la proprietà per cagare. Sentiti libero di isolare un sottotesto politico in questo.

Lo spettacolo si è chiuso, come è diventato consuetudine in Raf’s Calvin, con “This is not America” ​​di Bowie, tranne che qui è stato rapidamente soppiantato da “Scarborough Fair”, il madrigale di Simon and Garfunkel da “The Graduate”. Dolcezza, tristezza … fu l’ultimo sussulto di una strana, ambigua presentazione, in cui la speranza era sotto pesanti maniere.