NEW YORK, Stati Uniti – Esuberanza. È quello che Wes Gordon sta vendendo come il nuovo direttore creativo di Carolina Herrera . Sta progettando all’ombra dell’omonimo di casa di proprietà di Puig per diverse stagioni, quindi mentre la primavera / estate 2019 non è stata una partenza completa da quello che abbiamo visto di recente, è stato il suo debutto ufficiale.

Sembrava diverso, e per molti aspetti migliore. La linea personale di Gordon, che è stata chiusa quasi due anni fa, è stata progettata pensando ai giovani frequentatori di gala. Indietro sono le sue pompe Manolo Blahnik personalizzate – questa volta una forma sinuosa degli anni ’80 – ei tagli affilati come rasoi dei suoi blazer rigorosamente su misura. Ma invece di tormentare il cervello per i modelli solenni degli anni ’90 e Carolyn Bessette-Kennedy – un riferimento preferito – guardò la signora Herrera, la donna, per ispirazione.

Questi abiti erano la fantasia di Gordon di ciò che Herrera, che ha fondato la sua linea omonima nel 1981, ha indossato per festeggiare durante gli anni del go-go. I pois sono stati mescolati con stampe floreali dense e le maniche a sbuffo sono esplose da mini abiti di destra. C’erano pantaloni da palazzo così larghi da ingannare l’occhio facendogli credere che stesse indossando una camicia da notte, non una tuta.

Complessivamente, è appariscente, appariscente e adatto a Giorgio Beverly Hills, la famosa boutique Rodeo Drive che è diventata sinonimo del glamour degli anni ’80. C’era anche dell’umorismo: il tulle rosso sangue era ricamato con piccoli cavalli selvaggi con perline blu pallido invece dei tipici fiori. Ha accoppiato verde acqua e rosa caldo con una risatina.

Gordon la chiamava “7th Avenue couture”, riferendosi a quel tratto di città che era il centro della scena della moda del paese, e dove rimangono gli uffici di Herrera. Calvin Klein è ancora nelle vicinanze, così come Michael Kors . Il resto è dimenticato.

Per Gordon rendere Carolina Herrera una cosa di moda ancora una volta – non semplicemente un business guidato dalla fragranza e una linea di diffusione – avrà davvero bisogno di possederlo. Quando è uscito di scena in questa collezione è stato quando si sentiva troppo alla moda: in particolare, gli abiti muumuu e la studentessa giapponese sembrano sguardi. Può giocare con quelle idee commercialmente, nello showroom e sul tappeto rosso, ma non dovrebbe fare affidamento su di loro sulla passerella. La roba selvaggia è dove farà il suo segno.