PARIGI, Francia –  L’invito di Dries Van Noten era una lastra di Perspex stampata con un ritratto di Luke Stephenson di un uccello. Dries era piuttosto specifico. Era un ritratto, non una fotografia. Nella stessa mentalità, ha pensato a ciascuna delle donne sulla sua passerella come a un ritratto, con gli occhi truccati per sottolineare il fatto che ti stavano guardando.

Non l’ho capito, ma ho preso gli uccelli. Le piume erano un motivo ricorrente, piume reali che coprono teste, che spuntano da un top in rilievo o dal risvolto di un favoloso pantalone a doppio petto blu scuro, finte piume di plastica che ricadono su abiti, top e gonne. Luce, volo, ariosità, tutto ciò che si associa agli uccelli (a parte le cornacchie) si insinua in una collezione che sembra un momento di trasformazione per Van Noten.

O forse era semplicemente qualcosa che lo riportava alle origini. Ha insistito sul fatto che il suo recente investimento da parte di Puig non ha cambiato nulla, oltre a garantire alla sua azienda un futuro. In realtà sembra piuttosto importante, e se fosse lo stimolo per questa collezione, allora alleluia! Era Dries al suo meglio, lavorando i contrasti tra alto e basso, sposando la bellezza funzionale degli abiti da lavoro alle glorie ricamate di perline di qualcosa che si avvicinava alla couture.

“Non voglio fare la couture”, ha esitato. “Mi piace fare vestiti”. Ma c’è qualcosa di alchemico in Van Noten quando affronta le cose fondamentali. Una tuta termica rotolava su un top impreziosito, o un grande cappotto annodato intorno alla vita creava una silhouette peplo , un moderno New Look. Insisteva: puoi farlo, non hai bisogno di un designer per mostrarti come.

Non esattamente vero, quando è un designer che ti offre una tale imprevedibile ma seducente imprevedibilità: la delicatezza del nylon e dei cappotti di seta tipo organza su abiti a strisce vivaci, le audaci pennellate dipinte a mano su un sinuoso vestito chemisier, la rete gialla appesa a un giro una gonna avvolgente con stampa fotografica. E tutto il tempo, la tela bianca di cotone bianco. Era una combinazione perfettamente sintonizzata di realtà e fantasia, che è la ragion d’essere della moda in questo momento.