PARIGI, Francia – La  scorsa notte di Alessandro Michele per Gucci al Le Palace Theatre di Parigi lunedì 2019 ha concluso la sua “trilogia francese”, in seguito ad una campagna pubblicitaria pre-caduta basata sui disordini di Parigi del 1968 e una collezione di resort presentata ad Arles a giugno, non voleva mostrare grandi come il Louvre, ma Le Palace, con la sua lunga storia di sperimentazioni teatrali e notorie serate di club, simboleggiava una scena diversa “dove accadevano cose più ordinarie, dove si incontrava un nuovo amore, o sperimentare notti senza fine. ”

Gucci Primavera / Estate 2019 | Fonte: Getty Images

Ma non c’è mai stato niente di ordinario su Michele’s Gucci. Ha fatto un letterale showstopper lunedì quando, a metà strada, la presentazione si fermò e la leggenda anglo-francese Jane Birkin si alzò dal suo posto. Qualcuno le porse un microfono e lei continuò a cantare “Baby Alone in Babylone”, musica di Brahms, parole del suo ex ex Serge Gainsbourg, che è una divinità laica in Francia. Immagina Joni Mitchell in piedi nel bel mezzo di uno spettacolo di Calvin Klein “Nella vita, abbiamo delle pause”, è stato il modo senza pretese in cui Michele ha descritto questo colpo di stato. “Ho cercato di introdurre il flusso della vita.”

Concetto elevato? Quintessenza di Michele. Non c’è nessun altro designer che abbracci idee enormi e difficili nel suo lavoro con tanto entusiasmo. Ha aperto il suo spettacolo con un film degli anni ’70 del cinema italiano, l’avanguardia di Leo de Berardinis e Perla Peragallo, un’indiana inquietante e inquietante che riecheggiava tutto, dai colori saturi degli scandali di celluloide di Kenneth Anger allo strano orrore statico di “Ringu”. ”

“Cultura sotterranea”, ha detto Michele. Echi dei giorni magici quando vi erauna cultura sotterranea, un crogiolo per nuove idee radicali di musica, arte, cinema, teatro. Michele ha detto che sarebbe bello se queste scene sotterranee potessero essere rianimate. “Sto sempre cercando di ricollegare alcuni thread, riconciliare alcune trame.”

È interessante considerare Michele come l’avatar di un revival underground. “Dare ordine al disordine, disordine all’ordine” è come definisce la sua missione. Amplifica il caos, lo estetizza e infine lo anestetizza. E tutto ciò attraverso i vestiti. Ecco perché ha avuto così tanto da mostrare a Le Palace, un vecchio luogo sbiadito di esibizioni in cui poteva dimostrare il potere comunicativo del costume (cioè la moda) in uno spettacolo in cui non si pronunciavano parole (bar canzone della signora Birkin). Posso immaginare che ci fossero molte persone nel pubblico di fronte che non riuscivano a vedere molto di più delle modelle che si riunivano sul palco dopo la loro corposa compagnia attraverso l’auditorium. Ma forse l’impatto cumulativo della loro presenza massiccia – tutti e 84 – ha compensato tutto ciò. Erano un arazzo vivente surreale.

Per questo, puoi attribuire l’attenzione di Michele al colore in questa collezione. L’ha definita “l’idea centrale”. Ciò potrebbe spiegare il blocco dei colori che ha reso i punti grafici durante lo spettacolo. Ha anche detto che era ossessionato dalla sartoria . Gli abiti da uomo mi hanno fatto pensare a James Righton, il musicista britannico che, con Nick Cave, incarna il lato accessibile dell’entourage di Michele, più sobrio dell’inclinazione di Jared Leto alla stravaganza.

Continuando nella vena musicale (che è dove si sente più a suo agio della moda), Michele ha aperto lo spettacolo con un boho di Janis Joplin, un grande cappello in testa e più tardi, ha sfilato Dolly Parton in quello che sarebbe passato per il merchandising di Dollyworld in un contesto diverso. Ciò ha evidenziato il fatto che Michele spesso cammina in una linea dolorosamente sottile tra moda e kitsch. Allo stesso modo, le modelle che portano fan sfegatate di showgirl e qualcuno che porta una borsetta di Topolino, appena uscita da Disneyland, ti fanno chiedere se non dice mai di no a niente. Ma lui lo sa, e la sua autocoscienza disinnesca abilmente la situazione. Michele sta facendo un nuovo mondo qui, e nuovi mondi hanno bisogno di tutto per costruire con e da. Ha parlato delle sirene che urlavano nella strada fuori, nel mondo reale. Dentro, c’era Maria Callas che cantava – e Jane Birkin. “Qui,

Ecco perché sembra inutile suggerire che la dissolutezza di questa collezione fosse una ricostruzione di quello che abbiamo già visto. Michele vive di una sorta di sovraccarico senza tempo. Ma stava dicendo di vedere qui echi di Issey Miyake e Roberto Capucci, entrambi padroni di una forma ultra disciplinata, per non parlare della realizzazione tecnica. Ci saranno sempre sorprese da parte di Alessandro Michele, ma penso che possiamo aspettarci qualcosa di veramente inaspettato.