NEW YORK, Stati Uniti – È vero quello che dicono: è stato spettacolare.

Per la sua celebrazione del 50 ° anniversario, Ralph Lauren non ha badato a spese. Ambientato nella Bethesda Terrace, riccamente ornata di Central Park, la pietra miliare è arrivata con spettacolari display a LED, bistecche appositamente trasportate dal ranch di Lauren in Colorado e una lista di ospiti ineguagliata.

Hillary Clinton era lì, indossava una seta blu pallido e fiancheggiata da guardie. Così sono stati Kanye West , Martha Stewart e le leggende della moda americana Calvin Klein e Donna Karan .

Ma fu il brindisi di Oprah Winfrey, un miliardario che si è fatto da sé, rendendo omaggio a un altro, che distillò il ruolo di Ralph Lauren nella cultura americana.

“Quando mi sono trasferito a Chicago e stavo facendo abbastanza soldi per pagare l’affitto … e avevo ancora qualcosa in sospeso, pensavo di essere un successo”, ha detto. “La mia idea di celebrare quel successo non era quella di uscire e prendere una macchina di lusso, o un’arte o un gioiello – l’ho fatto più tardi. La mia idea di riconoscere il mio successo, il fatto che l’avessi fatto, era l’asciugamano Ralph Lauren … Avevo aspirato a quell’idea per oltre 10 anni “.

Aspirazione. Questo è quello che Lauren ha venduto a Winfrey e anche a tutti noi. Per me, era una fragranza che sedeva sulla cassettiera di mia nonna a metà degli anni ’80. Il design della bottiglia – vetro squadrato di mogano, inciso con lettere d’oro e sormontato da un berretto d’oro rotondo – mi abbagliò. Ci penso ancora.

Lo show della sfilata di venerdì, il fulcro delle celebrazioni, è stato un tributo all’influenza di Lauren, con GIFlow & KING 2014 ode al designer – “Sai che non conta se non dice Ralph Lauren, giusto?” – iniettato tra Springsteen e Neil Diamond sugli altoparlanti.

Tipicamente, Ralph Lauren mostra una partenza forte, poi si sbroglia. C’è un momento di delusione che tradisce quanta rilevanza abbia perso il marchio dai suoi anni di punta negli anni ’80 e nei primi anni ’90. In questa stagione, non è successo. Lo stile è stato molto più morbido, e la decisione di Lauren di, per la prima volta, ha intrecciato tre delle collezioni della società: il prêt-à-porter da donna, la Purple Label da uomo e il robusto Double RL.

Era nomade, cromatica, tematica: abiti di velluto tinti in velluto gocciolanti di cristalli, poncho patchwork , tweed di nonno. Girocolli incrostati di gioielli, tutto incrostato di gioielli. Cinture occidentali che accarezzano le flanelle stringendo paillettes argentate. Tinsel che volava su una gonna di seta cachemire, indossata con una maglia baja verde militare. E il pubblico non ne ha mai abbastanza.

Poi arrivò Polo, la linea sportiva più colorata e accessibile. E ‘stato completamente trasformato dall’arrivo dell’ex regista di Céline Michael Rider, che si è unito a Ralph Lauren come direttore creativo della collezione Polo femminile a febbraio, e questa è stata la vera sorpresa.

Il primo look – una camicia rosa Oxford, un maglione da college, jeans consumati, un paio di orecchini turchesi, stivali da cowboy e un soprabito di cammello – è stato perfetto. Nessuna ironia, nessuna affettazione. Lo stesso dicasi per un scollo a V Fair Isle su una maglietta da rugby e un paio di pantaloni chino arrotolati, condito con un bomber in pelle che sembrava potesse essere uno di quelli di Lauren. Nessuna meraviglia che le modelle sorridessero.

Il tipo di preparazione per la quale Ralph Lauren è meglio conosciuto può spesso essere curato fino al punto di disagio. Ma non è più chic sembrare così rigido. Ciò che il designer ha fatto stasera è stato dimostrare che si può rilassare e vivere al di fuori degli stretti confini di quella visione. Ecco sperando che Ralph Lauren prenda più grandi oscillazioni emotive come questo, mentre lotta per riacquistare rilevanza con i consumatori.