NEW YORK, Stati Uniti – È intenzionata a criticare una sfilata di moda con la sua colonna sonora, finché non lo è.

Se Tom Ford stava cercando di dirci qualcosa mercoledì sera, il messaggio era più nella musica che nei vestiti, che erano, per quanto andavano, vintage Ford, impolverati di echi di collezioni passate, un po ‘del suo Gucci, un un po ‘della sua YSL, un sacco di se stesso in pieno pianto decadente.

Dio, come deve odiare quella parola, dragato ogni volta che un hacker – cioè io – vuole trasformare il tabloidese in un tabloidese con il suo pesante indizio con le palpebre umide e insinuante. Ma, oh come la corteggia la Ford! (Il suo ultimo profumo si chiama Lost Cherry.)

Comunque, torniamo a quella colonna sonora. Lo spettacolo è stato inaugurato con “Zu Asche, Zu Staube”, il favoloso numero di cabaret anacronistico del trisettimanale Weimar di televisione “Babylon Berlin”. Tornò a Weimar con l’angoscia omosessuale travolgente di “Two Men in Love” degli Irrepressibles, poi elidò i due con l’omnessuale domanda di Chic “I Want Your Love”. E infiltrarsi nel mix è stato “I Can not Give Away” di David Bowie, che ho letto mentre Ford colpisce una commovente corda autobiografica in mezzo all’orgia.

La musica era una vera e propria storia nella canzone, seducente nel suo solco narrativo. Più così, sfortunatamente, che i vestiti, dove la narrazione era più solita che groove.

Duro e morbido, moderazione e rilascio … questi dialoghi sono vecchi amici alla moda di Ford. Ud B B B Bud B B Bud B B B B Bud B B Bud B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B Joan Smalls camminava con una giacca di leopardo e un bustier che terminavano una cascata di fili di seta tremanti. Il finto coccodrillo ha realizzato un carapace laccato nero per un look da intimo in pizzo . È una strana sensazione quando vestiti così sensualmente sensuali ti lasciano freddo. Ud B B Bud B B B Bud Bud B B Bud B B Bud B B Bud B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B Bud B B B Bud B B B B B B B Bud B B B B B Bud B B B B B Bud B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B B

Ma la spiegazione di quel paradosso può anche essere negli abiti maschili che Ford ha mostrato accanto alla collezione femminile. Erano più semplici (la sartoria tagliente come il rasoio tende ad avere quell’effetto) ma c’era uno sguardo – tutto nero, con una trincea e occhiali scuri – che era quasi ridicolo agente segreto, e questo mi fece pensare al rapporto di Ford con Bond (il Incisione di Daniel Craig). E questo mi ha fatto pensare alle donne nei film di Bond, non alle minacciose voci palese, ma all’assassina Elsa Klebb con i suoi tacchi a punta di veleno e le volatili donne zingare in “Dalla Russia con amore”.

I modelli di Ford indossavano scarpe ugualmente letali e le loro teste erano avvolte in sciarpe gypsy. Nel mondo di Bond, non ti puoi fidare di un’anima. Non ti fideresti nemmeno degli uomini e delle donne di Ford. Sembravano vestiti per scoraggiare, piuttosto che sedurre. È un concetto nuovo per la moda, ma è quello che funziona molto meglio come idea di un film perverso.

Nelle riflessioni di Ford, ha osservato che “la moda in qualche modo ha perso la sua strada un po ‘”. Forse perdersi non sarebbe una cosa così brutta per lui. Chiaramente ha molta familiarità con il suo attuale terreno. Un certo grado di noia si è instaurato.