LONDRA, Regno Unito – Victoria Beckham era elettrizzata all’idea che Stella Tennant fosse la prima modella in passerella domenica mattina. Sono entrambe le donne sulla quarantina, entrambe con quattro figli. “È tutto ciò che una donna dovrebbe essere”, ha affermato Beckham. Il che ha reso Tennant, in questo caso particolare, l’incarnazione ideale del decimo anniversario di Beckham, non solo per il terreno comune, ma anche perché è la quintessenza del modello britannico nel momento cruciale in cui Victoria riporta il suo spettacolo a Londra dopo un decennio New York.

Forse questo non è assolutamente vero – anche Edie Campbell era nello show – ma quando Tennant è uscito nel suo look di apertura (un tailleur bianco sopra una canotta tagliata di pizzo , ancorato da bottini argento piatto), ha chiarito quanto lo stile minimalista che definisce, con un successo variabile, l’ethos di Beckham nell’ultimo decennio si è evoluto fino a renderlo completamente seducente, soprattutto per coloro che ricordano l’esitazione e l’ingenuità delle sue prime presentazioni a New York. Quindi, era desiderosa di compiacere. Ora, non ce n’era bisogno. Gli abiti parlano da soli. Ed erano audaci, nel volume di un lungo vestito arricciato, in un sinuoso tubo a spalla scoperta, in una fascia trapezoidale di stoffa sospesa a delicate cinghie di spaghetti.

C’erano accenni del passato qua e là, ad esempio negli abiti a punta di sciarpa su pantaloni stretti, ma Beckham insisteva nel dire che la collezione dell’anniversario non era una retrospettiva. Lei aveva ragione. Non c’era il senso di un ripiego, la tavolozza dei colori offriva il backup lì. Beckham è un po ‘un appassionato d’arte. Ha anche una lista di artisti con cui ha il coraggio di collaborare. Nicola Tyson era il nome che è uscito domenica. Il designer ha detto che le battute di vermilion nello show erano ispirate a Tyson. Erano un accento molto necessario, e quindi intelligente.

L’intimità della galleria di Thaddeus Ropac (convenientemente situata accanto alla boutique di Beckham in Dover Street) ha focalizzato l’attenzione sugli abiti che sembravano significativi alla luce dell’appuntamento di un nuovo amministratore delegato e di un nuovo team che concentrerà nuovamente l’attività. Mi sarei preoccupato di ciò una volta, ma Beckham ha dato a tutti molto lavoro con cui lavorare qui. Michel Gaubert ha cantato Soul II Soul “Back to life, back to reality” sulla colonna sonora. C’era tutto questo e altro in passerella.