LONDRA, Regno Unito – Diversi designer londinesi indipendenti, nelle varie fasi della loro carriera, stanno lottando per diversificare le loro offerte e ampliare la loro rilevanza. Questo sabato alla settimana della moda della città, c’erano Molly Goddard , Michael Halpern e Gareth Pugh .

Molly Goddard P / E 2019 | Fonte: Indigital.tv

 

Il primo era Goddard, una strana, bizzarra ragazza della città i cui vestiti esplorano la banalità domestica e urbana in un modo ironico e nostalgico. Per la primavera-estate 2019, trofei femminili come gingham, margherite e volant leggevano tutto tranne Stepford Wife nelle sue abili mani, mentre li distorceva e li sovvertiva con trame trasparenti o piatte, giocando con le sagome di uova e a-line a entrambi up-end o esagerare idee su come un certo capo ‘dovrebbe’ apparire.

Per esempio, prendi le sue file di balze, biforcando un vestito cha-cha verde oliva a pois, o adagiato su spessi per tagliare una gonna a matita in cotone piatto color dun. In questo modo trasformò abiti corazzati, camiciole e grembiuli giganti galleggianti con un grave volume gravitazionale; altrove, l’interesse arrivava come artificio, come borse di cuoio scroccato o spille floride attaccate a maglie stampate con fiori pressati.

Da quando Goddard si è fatto un nome con quegli abiti a palloncino monocromatico con smock, la sua ricerca di diversificazione ha prodotto risultati contrastanti, ma oggi le sue increspature si sono tradotte bene in sartoria e camicie.

Il prossimo, Michael Halpern, la cui ascesa in rapida ascesa come principe principiante del costume da sera è stata guidata dalla richiesta dei suoi divisi all-over con paillettes: pantaloni a zampa d’elefante, abiti da cocktail e blazer da discoteca – addobbati di fiamme, fuochi d’artificio, stampe animalier e simili – che sono pezzi di festa sicuri.

Halpern S / S 2019 | Fonte: Indigital.tv

 

Come Goddard, l’esordio incentrato sul laser di Halpern rende la diversificazione una strada rocciosa – un equilibrio tra soddisfare e saturare la richiesta di ciò che sa fare meglio – e questo quarto spettacolo ha tentato di dare risalto al suo pane e burro insieme ad alcuni nuovi esperimenti di lusso per effetto misto

Sfortunatamente, il tessuto d’oro fuso che ha tentato inizialmente tende ad abbassarsi piuttosto che a coprirsi, appesantendo le forme degli anni ’60 (il treno, in particolare) in un modo che riesce a evitare con i suoi lustrini striati e rigati. Annodato in un arco gigantesco, un altro abito azzurro celeste aveva una forma migliore, ma il suo splendore era troppo industriale: come indossare un film trasparente. Nonostante questi singhiozzi, e alcuni squarci anca mal riposti (sfidando la vestibilità di certi abiti), il timewarp di Halpern sembrava divertente e civettuolo, e il Louboutins dal tacco riccio che ha co-braccato era una coppia perfetta.

Poi c’era Gareth Pugh, il ragazzo di poster di Sunderland, il cui rispetto per il paganesimo pagano della Gran Bretagna è riemerso nelle sue raccolte anarchiche di recente. Contro la dolcezza sdolcinata di Goddard e il fascino totale di Halpern, l’approccio di Pugh va a dimostrare quanto lo spettro della moda sia oggi. Eppure, dove i suoi disegni cadono su questo spettro rispetto alla rilevanza era più difficile da capire.

Gareth Pugh P / E 2019 | Fonte: Indigital.tv

 

Lo spettacolo di questa sera ha preceduto un Voguing Ball: un omaggio al compianto designer di accessori Judy Blame, la cui recente scomparsa ha toccato Pugh ei suoi compagni. Scivolando in un body mascherato a stelle e brandendo un ventaglio come una lama, il primo modello di Pugh ha dato il tono per un’ode minacciosa alla vita notturna di un tipo diverso, dove i seni schizzati di candeggina ei jeans raver brillanti erano protagonisti insieme, Klaus Nomi sartoriale trasformato in corpi con apertura a scatto.

Il PVC arancione e le metallerie color rosa caldo erano accartocciati in cappotti simili a armature e top a cappuccio, tutti impilati in cima a stivali goth con fibbia. La sua drammatica eleganza, intrisa di prose estreme e riferimenti mitici, avrebbe reso Blame orgogliosa. Londra ha bisogno dei suoi sognatori, ma Pugh pone l’antica domanda della moda: è davvero questo che le donne moniziali vogliono indossare? A parte gli equipaggi in voga, la giuria è fuori.