Salvini sulla copertina di Time: “È il nuovo volto dell’Europa”

19

l presitigioso settimanale ‘Time‘ dedica la sua copertina con una foto in bianco e nero al ministro dell’Interno Matteo Salvini.”È il nuovo volto dell’Europa”, titola la rivista americana che riserva una lunga intervista al leader della Lega, definendolo “lo Zar che vuole disfare l’Europa”. Molti i temi trattati nell’articolo firmato Vivienne Walt che scrive “Ecco perché Matteo Salvini è l’uomo più temuto d’Europa”: dall’immigrazione al lavoro, da Trump alla Libia, dall’Europa a Putin. “Le ambizioni del leader di destra vanno ben oltre il suo Paese – scrive la giornalista – ed è per questo che sta facendo innervorsire l’Europa. Molti lo considerano come il leader più capace di mettere insieme un grande gruppo di partiti populisti e nazionalisti in Europa, che superi i confini nazionali in nome del nazionalismo”.

Matteo Salvini nella copertina di Time (Ansa)

Salvini si sofferma in particolare sull’Europa e sul tema immigrazione: “Stiamo lavorando per ristabilire lo spirito europeo che è stato tradito da chi governa l’Unione. Il problema principale dell’Italia è il lavoro. L’immigrazione fuori controllo danneggia il mercato del lavoro, perché gli italiani non possono competere con i lavoratori illegali che vengono sfruttati. Quindi per ridare dignità al lavoro dobbiamo controllare l’immigrazione. Fu un errore bombardare la Libia di Gheddafi nel 2011” afferma il leader della Lega che poi si paragona al presidente Donald Trump: “Penso, anche se sono più piccolo e l’Italia è più piccola, di condividere con il presidente degli Stati Uniti gli attacchi del mondo mainstream politicamente corretto: attori, cantanti, registi, giornalisti. E questo significa che stiamo lavorando bene”. E sulla Russia dichiara: “Mi sono incontrato con Putin solo una volta. Non ci sono legami economici o commerciali. Voglio solo che ci sia una buona partnership tra Russia ed Europa. C’è un accordo di cooperazione tra la Lega e il partito Russia Unita di Putin”, ammette in conclusione.

In passato altri politici italiani si erano guadagnati la prestigiosa copertina: Berlusconi, Togliatti, Berlinguer, Veltroni, Renzi ma anche De Gasperi e Mario Monti.

QN