Tvblog è presente alla conferenza stampa di presentazione dei nuovi palinsesti Sky: scoprite con noi in diretta tutte le novità della piattaforma payperview in arrivo.

  • 13:08

    La conferenza stampa si è conclusa. Nessun commento da parte di Zappia, nonostante l’insistenza della stampa, sul delicato tema dei diritti tv.

  • 13:03

    Sulle modalità di fruizione dei contenuti, Zappia commenta:”Per il momento riteniamo che l’esperienza di un cliente sia più completa con un box”.

  • 12:56

    Sull’ormai ex concorrenza con Mediaset: “Il dialogo con Mediaset non si è mai interrotto, la scelta di questa collaborazione è coerente con quanto annunciato a gennaio 2017. Loro sono bravissimi creatori di contenuti, hanno da sempre accordi con Warner e Universal, ed è stato quasi naturale trovare un accordo che definirei win win. Non c’è stato un momento specifico, il nostro è stato un percorso di avvicinamento”.

  • 12:50

    I canali di Mediaset saranno disponibili su tutti i box satelittari, dunque non soltanto per i possessori di Q. Nessuna esclusione, dunque, per i clienti Sky “vecchi”:

  • 12:46

    Sky è disponibile a dare i suoi contenuti a tutti gli operatori di telefonia mobile. Now Tv, che è un servizio prevalentement on demand e dedicato ai giovani, ha già oggi molti accordi con queste compagnie. L’accordo con Telecom Italia rimane in piedi, dunque, anche con i nuovi aggiornamenti. Andrea Zappia conferma inoltre la presenza di contenuti in chiaro, pensiamo ad esempio ai grandi eventi sportivi.

  • 12:30

    Ecco la roadmap di Q: primo passo ai primi di luglio quando arriverà Sky Q Black, il primo passo di ingresso verso Q. Il secondo step avverrà con l’arrivo della soundbox, che nasce con il soundQ. Rispetto alle altre ha di diverso che il suo software è tarato con quello del box. L’enfasi del suono sarà dunque tarata in base a quello che vedremo in tv: per esempio nel film d’azione il volume della conversazione sarà regolato in base al resto del film, con le scene più “scatenate”. Questo arriverà a settembre, seguito poi dal controllo vocale. Il controllo vocale arriverà in ottobre: grazie ad esso potremo, per esempio, citare una frase famosa di un film e questo ci troverà il film che stiamo cercando, oppure chiederemo “trova il film di Robert de Niro” ed essa ci condurrà verso la pellicola che stiamo cercando. Inoltre, nel 2019 su Sky Q arriverà Netflix, l’esperienza Q ariverà anche via fibra.

  • 12:28

    Quello che è stato cercato di ottenere è dare libertà di scelta a chi ama la tv. Sky non vuole vincolare nessuno ad avere un solo tipo di esperienza. L’azienda vuole che il potere di controllo sia nelle mani dello spettatore e di chi cerca qualcosa di più.

  • 12:25

    Terza novità è Sky Q. Con Q, già presentato a novembre, si guarda al futuro. La novità di oggi è che il cliente SKy da oggi riceve anche tutti i canali TV di Mediaset Premium. Si tratta dunque di un ulteriore arricchimento dei contenuti.

  • 12:23

    Sky arriva via fibra. L’azienda ha sviluppato un prodotto ad hoc che funzionasse con la fibra di casa. Il prodotto è innovativo ed è il primo box che funziona solo via IP in Europa e che coglierà un’opportunità crescente di un pubblico che vuole avere comodità di accesso ai contenuti.

  • 12:22

    L’accordo strategico con Mediaset già annunciato nei giorni scorsi si completa con il lancio di questa piattaforma che Mediaset ha creato sul digitale terrestre.

  • 12:12

    Da questo momento esiste la possibilità di avere la qualità dei contenuti Sky su digitale terreste. L’offerta mette insieme l’offerta di Mediaset Premium insieme ad una selezione dei contenuti Sky. In questo mondo si attrae la clientela che vuole fare un passo verso una televisione migliore.

  • 12:18

    Andrea Zappia, amminstratore delegato di Sky, presenta tutte le novità in arrivo. Nessuna news sui palinsesti, bensì tanti aggiornamenti, se vogliamo, tecnici. “Quasi 15 anni dopo la nascita di Sky, sono iniziate nel 2003 le prime conferenze stampa. Oggi è una giornata importante, siamo riusciti a colmare un gap e a fare grandi passi in avanti. Oggi le piattaforme digitali sono entrate nella nostra vita, cambiandola tantissimo. Il mondo digitale ci sta offrendo tantissime nuove opportunità. Sky ha un forte azionariato, ha competenze interne straordinarie e ha trovato un paese con risorse che permettono ad un’azienda di innovare, guardando davvero al futuro, potendo investire per un futuro migliore per tutto il paese e per chi ama la tv. Oggi l’obiettivo è condividere i passi che ci porteranno ad abbattere qualunque barriera. Da oggi entriamo nel digitale terreste con un’offerta pay.”

  • 12:05

    La conferenza stampa sta per iniziare.

sky.jpg

 

 

Nel corso di un’importante conferenza stampa tenutasi lo scorso 6 giugno a Milano, Sky ha presentato in anteprima alla stampa tutte le novità del suo palinsesto 2018/2019. Eccezion fatta per un paio di post pubblicati sui social, dove si fa riferimento a 4 nuovi canali tematici, nulla è per il momento dato sapere sulle novità in arrivo.