Che segna l’inizio dei suoi piani per aprire ben 300 filiali in un paese di intenditori di caffè, Starbucks oggi apre il suo primo negozio a Milano, una città dove i bar sono tanti e il caffè è difficile da raggiungere.  sin dalla sua introduzione nel 1500, il caffè ha sviluppato la propria cultura in Italia, dove i giorni sono definiti da rituali condotti da devoti, i quali credono che un  vero caffè espresso o cappuccino abbia un sapore molto diverso dalle offerte della catena. come fa allora un gigante americano come uno starbucks che fa la sua incursione nella patria del caffè? va per l’approccio cover-all-bases quindi, invece di provare a dimostrare che può fare bene il caffè, cerca di fare caffè, pasticcini, gelati e anche il classico aperitivo italiano, pur sapendo sfruttare abilmente l’amore per il design del paese.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

immagini per gentile concessione di Starbucks

Si inizia con una posizione – un edificio storico sulla grandiosa Cordusio piazza di Milano (a due passi dal Duomo), che ha base a Starbucks  CEO, Howard Schultz, è stato progettato con ‘ minimi dettagli e grande rispetto per il popolo italiano e la cultura del caffè ‘. questo starbucks sarà nettamente diverso nella sua offerta in quanto la filiale milanese sarà la terza torre di riserva del marchio e, come la sua ultima apertura a  Shanghai , comprenderà uno spazio dedicato all’esperienza del caffè.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

al suo interno offre uno sguardo a 360 gradi sull’arte e la scienza della torrefazione del caffè, permettendo ai clienti di girare intorno all’equipaggiamento utilizzato in ogni fase del processo. dalla torrefazione, al vassoio di raffreddamento, alla camera di degassificazione e alla linea di confezionamento, lo spazio è pieno di teatrali che potrebbero essere persi nell’italiano che è abituato a camminare in un bar in piedi, a bere il loro colpo di caffè e in partenza. d’altra parte (e questo è intelligente di starbucks), questa visione della produzione potrebbe fare bene a vincerli. metà del gioco nell’ottenere un italiano da parte è certificare un livello di attenzione e attenzione è stato prestato quando si tratta della qualità di un prodotto, giustificando la decisione di Starbucks di offrire qualcosa in più rispetto al servizio di controparte.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

e, naturalmente, vendere un caffè a un italiano deve essere in parte “autenticamente italiano” – questa è l’altra metà del gioco.  il torrefattore, realizzato a pochi chilometri dal centro di Milano da scolari, favorisce un’azienda storica di produzione di caffè a conduzione familiare che condivide una relazione di lunga data con gli starbucks. in una vena simile un botte di 6,5 metri (22 piedi) – un centro di rosticcerie a forma di stella che sono solitamente di rame – è fuso in bronzo per riecheggiare la preminenza dei materiali attraverso il design e l’architettura a Milano.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

sul pavimento una tecnica a mosaico, realizzata a mano in stile palladiano, una tecnica storica particolare per l’Italia settentrionale e realizzata a mano da artigiani locali. uno dei marmi utilizzati nella pavimentazione è chiamato candoglia, che proviene da una cava di proprietà dei cittadini di Milano e, fino a poco tempo fa, utilizzato esclusivamente per il duomo di Milano e gli edifici nella piazza circostante. per la prima volta lo starbucks ha utilizzato anche il marmo nei suoi piani bar (provenienti dalla Toscana), nel tentativo di riecheggiare le caffetterie che lo caratterizzano a Milano.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

ciò che è più intelligente dell’approccio di Starbucks alla rottura del mercato italiano è il tentativo di dimostrare una comprensione approssimativa della cultura del paese. oltre caffè e design, il bar arriviamo al roastery di milano offre cocktail e prelibatezze ispirate all’aperitivo italiano (che si sorseggia un drink in prima serata con stuzzichini). altrove ospita una panetteria princi (una panetteria milanese dedicata alla tradizione e alle tecniche antiche) e una stazione affogato dove il gelato viene preparato su ordinazione in un unico lotto, che i partner creano combinando la base di crema con azoto liquido.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

non è ancora possibile vedere quali diversi gradi di successo avranno questi diversi elementi. forse insieme la loro introduzione – una spiacevole distrazione per i numerosi bar che servono da anni il caffè nelle vicinanze – potrebbe diversificare il mercato creando una sana competizione in termini di ciò che hanno da offrire.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo

paolo gadalet, presidente dell’istituto nazionale italiano per l’espresso, ha dichiarato: “siamo davvero felici che una grande azienda come starbucks arrivi in ​​italia, perché pensiamo che il caffè che serve non sia come un espresso italiano ma sia ancora un caffè che sa bene . la nuova riserva Starbucks di Milano sarà aperta al pubblico il 7 settembre 2018.

starbucks reserve roastery milan starbucks apre il primo store in italia la cultura del design ha avuto successo