MILANO, Italia –  La sartoria impeccabile ha reso miliardario Giorgio Armani , quindi è il pozzo che tornerà sempre a cercare. C’è qualcosa di quasi nobile nei suoi abiti morbidi e casual. È la nobiltà del sale dei tipi di terra in quei classici neo-realistici italiani che hanno contribuito a plasmare la sua sensibilità – il lavoro onesto di Joes (o Giovannis) che non ha avuto tempo per trambusto sdolcinato e fastidio. Un po ‘come la gente di campagna che August Sander ha fotografato in Germania qualche decennio prima. I cappelli che Armani ha attaccato alle sue modelle lunedì hanno fatto eco a “Young Farmers, 1914” di Sander.

Se la collezione è stata costruita attorno all’armaniizzazione della giacca a doppio petto (un pezzo carico di associazioni pronte per essere scosso), lo sfondo dello spettacolo di enormi fogli bianchi appesi ad asciugare, un’istantanea di qualsiasi isola del Mediterraneo in l’estate, dà il tono a tutto il resto. Se desideri indossare una giacca a doppio petto per la spiaggia (le note dello spettacolo l’hanno proposto), quello di Armani sarebbe quello che hai scelto perché ha mostrato versioni bianche e blu che sembravano che qualcuno ci avesse già nuotato: sciolto, morbido , lavato.

E quello stesso spirito di spartiacque sartorialismo ha infuso la collezione. I suede sabbiosi, le spalle oversize, i pantaloni pieghettati a scatola, larghi, i pantaloni a coste, le seersucker – trame con una grinza salata, ei gilet che sostituivano i maglioni su torsi nudi dipingevano un ritratto di un uomo sensuale e sicuro di sé chi era perfettamente a suo agio con le sue imperfezioni. Un personaggio, in altre parole. Quando il mondo si stanca delle sneakers Triple S, puoi immaginare dei giovani che guardano verso di lui.

E per tutto il tempo, quei fogli asciugati nel calore. Alla fine, i modelli si misero in fila davanti a loro, in attesa, in attesa di The Man … tranne che non uscì Armani, ma un ragazzo con un sorriso affascinante e imbarazzante in una maglietta che sfoggiava Gorgeous Giorgio. Per qualche stupida ragione, ho pensato a “Spartacus”. “Sono Giorgio.” “No, sono Giorgio”, ecc. Ecc. Forse il Sig. A. stava dicendo che ogni uomo è un po ‘Giorgio. O almeno sperava che ci piacerebbe essere, in uno di quei complessi da sogno della marina. Neanche lui era del tutto fuori dal marchio.